Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nella morsa della violenza

· In Ucraina i filorussi annunciano nuovi rinforzi ·

Escalation di combattimenti nell’area di Donetsk

Ucraina nella morsa della guerra. Mentre nella parte orientale del Paese non si fermano i combattimenti, il leader dell’autoproclamata repubblica di Donetsk, Alexander Zakharcenko, ha annunciato ieri imminenti rinforzi nelle file dei ribelli filo-russi. I miliziani pronti a combattere contro l’esercito di Kiev arriveranno a centomila unità. 

Nella zona dell’aeroporto di Donetsk, roccaforte dei separatisti, risultano tuttora dispersi ventotto militari ucraini e i reparti di soccorso non riescono ad arrivare in quell’area a causa dei continui bombardamenti, come ha fatto sapere il portavoce dello stato maggiore delle forze armate di Kiev. L’aeroporto di Donetsk è caduto nelle mani dei separatisti dopo mesi di aspri combattimenti. L’Amministrazione cittadina ha riferito che nelle ultime ore almeno cinque civili sono morti nei bombardamenti. Vittime civili sono segnalate anche nella regione di Lugansk. Sullo sfondo di questa nuova escalation di violenze, gli Stati Uniti hanno annunciato che forniranno armi all’esercito di Kiev per un valore di tre miliardi di dollari. Una mossa che per gli analisti rischia di inasprire ulteriormente i rapporti diplomatici con Mosca — accusata da Washington di sostenere militarmente i separatisti — e di arroventare ancora di più il conflitto nel sud-est dell’Ucraina. A preoccupare Washington è invece la piega che stanno prendendo i combattimenti nel Donbass, dove l’offensiva lanciata nei giorni scorsi dai separatisti sta mettendo in seria difficoltà le male equipaggiate truppe ucraine.

 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE