Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Nella luce
del primo mattino

Due figure si fronteggiano, rischiarate dalla luce del primo mattino. Sono vicine, si parlano, condividono il medesimo spazio. L’una è quella di un prigioniero, forse in catene; l’altra, del suo inquisitore. Lo scrive Aldo Schiavone nel volume Ponzio Pilato. Un enigma tra storia e memoria, in uscita da Einaudi. 

Duccio di Boninsegna, «Cristo torna da Pilato» (1308-1311)

La scena è sospesa ed elettrica — aggiunge - tutto deve ancora accadere ma i rapporti di forza appaiono sbilanciati e schiaccianti: si capisce che la situazione può degenerare in un niente, la violenza esplodere in ogni momento; come infatti sarà. Non è un colloquio. È un interrogatorio.

Eppure, l’uomo che sembra al comando, dall’attimo in cui ha incontrato il suo inquisito, si trova rispetto a lui nell’abisso di un’inferiorità senza scampo: che lo annienta (ai nostri occhi) rispetto alla potenza invisibile di chi gli sta davanti inerme e solo.

Il capovolgimento, tuttavia, per quanto sconvolgente, non traspare. È come frenato, occultato: il quadro rimane drammatico e il contrasto vibrante. Non stiamo assistendo a una finzione: c’è davvero una vita in gioco. La rivelazione è trattenuta, rinviata, e non cancella le posizioni che legano i due personaggi ai loro ingannevoli ruoli. È come se i suoi effetti si producessero in un’altra dimensione, per ora lontana, pur se già essenziale: sarà infatti solo richiamandola al nostro sguardo che potremo chiarire, a tempo debito, la svolta cruciale che avrebbe segnato quel confronto. Ma per adesso è proprio la scissione tra i due opposti piani — quello che appare e quello che si nasconde — ad addensare sulla scena il suo particolarissimo pathos.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE