Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel servizio la vera dignità

· Lettera del patriarca Sako al clero caldeo ·

La carica ecclesiastica non è fonte di dignità o prestigio. Essere vescovi è una vocazione speciale, non un onore, un merito o un premio, frutto di ambizioni personali. Ciò che serve, sempre, è operare con amore, servizio e dono. Sono affermazioni contenute nella lettera con la quale il patriarca di Babilonia dei caldei, cardinale Louis Raphaël Sako, ha esortato i vescovi e i sacerdoti presenti al ritiro spirituale annuale, che come riferisce AsiaNews, è in corso ad Ankawa, sobborgo di Erbil, capoluogo del Kurdistan iracheno. Un chiaro invito a rilanciare l’impegno missionario a livello spirituale, sociale ed ecclesiastico. «Siamo testimoni gioiosi di Cristo», ha detto, attraverso la celebrazione dell’eucaristia «nella sua dimensione universale» e la «preghiera personale e collettiva», rispondendo all’invito di Papa Francesco a pregare per essere veri discepoli di Gesù.

«Come sacerdoti — scrive il porporato — non acquisterete dignità e prestigio diventando vescovo o patriarca, perché la vera dignità si conquista attraverso l’amore, il servizio e il dono, oltre al compito di illuminare», che è insito alla missione. Per questo, aggiunge, è sempre più importante «sottolineare l’importanza del rapporto personale di ciascun sacerdote con Cristo, il quale diventa fondamento del rapporto fra il sacerdote e la sua gente». Ricordando il compito di annunciare che è dovere primario di ogni sacerdote, Sako definisce «una grave perdita il vedere, a volte, persone consacrate che non hanno testimonianze da condividere». Da qui l’invito a preservare la spiritualità della devozione che «sembra in declino e ha colpito in modo negativo il numero delle vocazioni». Al tempo stesso — prosegue — «non dobbiamo lasciare che ambizioni personali, voci, social media, idee liberiste occidentali, finiscano per minare la nostra fiducia, le relazioni e l’armonia. I nostri fedeli sono alla ricerca di pastori gioiosi e devoti, che siano consapevoli della loro realtà, non certo di sacerdoti pessimisti e vescovi cupi».

Nella lettera il patriarca Sako sottolinea che il ritiro spirituale è un appuntamento necessario per la ricerca di «solitudine e calma» e uscire «dalla routine amministrativa», per incontrarsi e pregare, svegliare i cuori, maturare e rilanciare l’impegno missionario a livello spirituale, sociale ed ecclesiastico. E conclude ricordando che «affinché la vocazione sia efficace» richiede «preparativi psicologici, spirituali, pastorali e sociali», oltre alla predisposizione di tutti «al sacrificio e al lavoro di squadra».

Il fermo richiamo del patriarca si spiega analizzando la storia recente della Chiesa caldea, alle prese con un profondo rinnovamento: dalla crisi delle vocazioni alle divisioni interne, oggi superate, che hanno rischiato di minare l’unità, aggravate dall’esodo dei cristiani che ha riguardato anche il clero (sacerdoti e monaci, disobbedendo ai propri vescovi e al patriarca, sono fuggiti dall’Iraq per cercare rifugio in luoghi più sicuri fra le nazioni della diaspora come gli Stati Uniti o l’Australia).

Com’è noto, il 10 giugno scorso, Papa Francesco, nel discorso ai partecipanti all’assemblea della Riunione delle opere per l’aiuto alle Chiese orientali, ha espresso la volontà di recarsi in Iraq il prossimo anno e l’auspicio affinché il paese «possa guardare avanti attraverso la pacifica e condivisa partecipazione alla costruzione del bene comune di tutte le componenti anche religiose della società, e non ricada in tensioni che vengono dai mai sopiti conflitti delle potenze regionali». Speranze sono nel frattempo venute dal meeting annuale dei partner di Caritas Iraq che si è svolto dal 1° al 3 luglio a Baghdad. L’incontro è servito per confermare che, grazie anche alla definitiva sconfitta del cosiddetto Stato islamico, la situazione dei cristiani è in netto miglioramento.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE