Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel segno di una fede amica dell'intelligenza

I centoquarant'anni dell'Azione Cattolica Italiana, l'assemblea generale e l'incontro con il Papa sono l'occasione per riflettere su questo lungo cammino, che viene da lontano,  ha saputo intrecciarsi profondamente con la storia del Paese e ha contribuito  alla formazione di parte della sua classe dirigente. La più antica associazione del laicato cattolico italiano è infatti sempre stata — e intende continuare a essere — al servizio della Chiesa e dell'Italia. Come hanno sottolineato nel giorno culminante di questo anniversario l'arcivescovo di Genova e presidente della conferenza episcopale, cardinale Angelo Bagnasco, e lo stesso Benedetto XVI.

In forme diverse a seconda dei diversi momenti storici, questo motivo conduttore del servizio alla Chiesa e al Paese ha caratterizzato la storia dell'Azione Cattolica, dai suoi primissimi anni alla stagione di Pio XI e di Pio XII, sino al periodo successivo al Vaticano II e al lungo pontificato di Giovanni Paolo II. Dove l'enumerazione dei nomi dei Papi non indica soltanto un'ovvia scansione storica, quanto piuttosto il forte legame tra l'associazione e il vescovo di Roma, che dell'Italia è primate.

Così, in continuità con la tradizione cristiana e cattolica del Paese, in continuità con la sua storia e la testimonianza di tante sue donne e tanti suoi uomini, l'Azione Cattolica Italiana è impegnata oggi ad «annunciare Gesù» sino ai confini del mondo, che sono poi quelli delle città e dei paesi d'Italia, di ogni ambiente di vita. Beninteso, nella sinfonia di una «Chiesa di popolo» che tutti i giorni tiene aperte le sue porte a chi voglia avvicinarsi.

Per questa missione permanente e inesauribile l'antica associazione deve — ha detto Benedetto XVI — mantenersi «fedele alle proprie radici di fede». E dunque curare la formazione: propria, innanzi tutto.

In un momento storico in cui appare davvero indispensabile l'impegno educativo, per confrontarsi con laici e non credenti sui temi decisivi — la concezione della persona, l'esistenza di valori universali e invalicabili, la difesa e la promozione della vita, la libertà educativa, l'importanza della famiglia, lucidamente identificati dal cardinale Bagnasco — è infatti urgente, come ha chiesto il Papa, «allargare gli spazi della razionalità nel segno di una fede amica dell'intelligenza, sia nell'ambito di una cultura popolare e diffusa, sia in quello di una ricerca più elaborata e riflessa». Con una scelta  impegnativa e responsabile di cui la Chiesa e  tutto il Paese, hanno bisogno.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE