Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel segno di Newman

· La giornata di domenica nei luoghi del beato ·

Mezzo miglio separa l'oratorio di Rednal — dove 120 anni fa John Henry Newman è morto ed è stato sepolto — dal Cofton Park di Birmingham, dove domenica mattina, 19 settembre, Benedetto XVI ha elevato agli onori degli altari il grande cardinale inglese. Si è vissuto dunque nei luoghi che conservano gelosamente il ricordo del nuovo beato il momento più significativo dell'intero viaggio del Pontefice nel Regno Unito.

Un viaggio il cui evidente successo ha spiazzato i media locali e internazionali, che, con il passare delle ore, hanno dovuto mettere da parte le polemiche e gli aspetti secondari che lo avevano preceduto, e prendere atto dell'interesse crescente suscitato nell'opinione pubblica britannica, a ogni livello. Decine di migliaia di persone si sono riversate nelle strade per assistere alle celebrazioni, o magari anche soltanto per veder passare la papamobile.

La stima spirituale di Benedetto XVI per questa grande figura della Chiesa in Inghilterra è testimoniata non solo dal costante riferimento all'attualità del suo messaggio, ma anche e soprattutto dall'aver voluto presiedere personalmente, per la prima volta durante il Pontificato, la messa di beatificazione. Benedetto XVI è stato anche il primo Papa a visitare Birmingham, una delle città più multietniche d'Europa.

Tra le verdi colline dell'Inghilterra centrale, bagnate dalla fitta pioggia che ha preceduto la celebrazione, il Papa è arrivato in elicottero. Raggiunto poi il Cofton Park, ha benedetto una statua del cardinale Newman, realizzata dallo scultore Tim Tolkien, pronipote dell'autore della trilogia del Signore degli Anelli. John Ronald Reule Tolkien, alla morte della madre, fu affidato ai padri dell'Oratorio di San Filippo Neri. Restò con loro almeno sette anni durante l'adolescenza. Si narra che le due torri vicine — Perrott's Folly e Waterworks — abbiano ispirato la sua opera letteraria.

Visibilmente emozionato, Jack Sullivan, l'uomo la cui guarigione è stata riconosciuta come un miracolo dovuto all'intercessione del cardinale Newman, ha proclamato il Vangelo. 71 anni, statunitense di Boston, era affetto da una grave malattia neurologica, ma il 15 agosto 2001 è completamente guarito. La festa liturgica di John Henry Newman sarà il 9 ottobre, data della sua conversione.

Al termine, dop0 la recita dell'Angelus, il Papa si è recato all'Oratorio di San Filippo Neri presso Edgbaston, dove Newman trascorse gran parte della sua vita da cattolico e dove morì l'11 agosto 1890. Accolto dal rettore, monsignor Richard Duffield — postulatore della causa di canonizzazione — Benedetto XVI ha pregato in silenzio davanti allo scrigno che custodisce i pochissimi resti, recuperati dopo la ricognizione del 2008, e ha sostato nella stanza del beato, oggi meta di numerosi visitatori: ha trascorso alcuni minuti nella modesta camera, piena di libri; ha visto il semplice scrittoio di legno e la cappellina; ha sfogliato i manoscritti.

L'anticipo di questo intenso momento di preghiera, è stato vissuto con migliaia di giovani, sabato sera, durante la veglia nell'Hyde Park di Londra. In ottantamila, in grande parte ragazzi e ragazze di tutta la Gran Bretagna, si erano dati appuntamento per partecipare a questo momento. «Il cuore della Chiesa» il tema di riflessione proposto. Coinvolgente la processione di tremila persone in rappresentanza delle diocesi di Inghilterra e Galles. Durante la veglia sono stati presentati filmati e testimonianze sul lavoro che la Chiesa britannica svolge attraverso le caritas.

Nel suo discorso il Papa ha ricordato che in quello stesso luogo sorgeva Tyburn, un patibolo sul quale molti cattolici affrontarono il martirio, proclamando sino all'ultimo respiro la loro fedeltà. Ancora oggi chiunque voglia esprimere i propri sentimenti può usufruire dello speakers' corner, un angolo del parco riservato proprio a questi interventi.

Rientrato in nunziatura, Benedetto XVI si è affacciato per salutare i gruppi di fedeli che lo applaudivano. La loro presenza ha confermato l'affetto che anche Londra ha manifestato al Papa. E la decisione di affacciarsi ancora, come aveva fatto giovedì e venerdì sera, spiega bene il clima di questo viaggio. Un'atmosfera di entusiasmo, colta anche dal primo ministro Cameron. Durante la cerimonia di congedo, domenica pomeriggio, all'aeroporto internazionale di Birmingham, il premier britannico ha definito «storica» la visita, e «quattro giorni incredibilmente commoventi» quelli che il Paese ha vissuto accanto a Benedetto XVI.

I discorsi di Benedetto XVI

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE