Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel segno della carità e della preghiera

· Bergamo e Roma per la canonizzazione ·

Opere caritative che coinvolgono direttamente la Chiesa di Bergamo e il suo clero; e due appuntamenti di preghiera, tra cui una «notte bianca della misericordia», organizzati dal vicariato di Roma: sono i segni scelti per la canonizzazione dei Papi Giovanni xxiii e Giovanni Paolo ii, presentati durante la conferenza svoltasi stamane, lunedì 31 marzo, nella sala stampa della Santa Sede. A poco meno di un mese dall’appuntamento del 27 aprile, che richiamerà a Roma centinaia di migliaia di fedeli da ogni parte del mondo, è stato illustrato il cammino di preparazione alla cerimonia presieduta da Papa Francesco in piazza San Pietro nella domenica della Divina misericordia.

Il cardinale vicario Agostino Vallini ha parlato di una festa della santità, in un tempo in cui c’è bisogno di speranza. Offrendo una lettura “spirituale” dell’avvenimento, il porporato ha sottolineato in particolare lo «stile di vicinanza e di accoglienza che accomuna» i due Pontefici. «C’è un filo rosso — ha detto — che li lega: la loro fede come modello di vita cristiana e umana».

Durante l’incontro con i giornalisti, rispondendo alle loro domande, il direttore della sala stampa padre Federico Lombardi ha precisato che «non ci sono ancora previsioni o cifre precise» da parte della Santa Sede, sul numero dei pellegrini che giungeranno.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE