Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel retroscena del Vaticano II

· Dall’Archivio Segreto Vaticano un’edizione speciale del fac-simile della Bolla «Humanae salutis» di Giovanni XXIII ·

In occasione del cinquantesimo anniversario dell’apertura del concilio Vaticano II (1962-2012), l’Archivio Segreto Vaticano ha realizzato presentato in un numero speciale dei suoi «Exemplaria Praetiosa» il fac-simile della bolla di indizione Humanae salutis di Papa Giovanni XXIII L’edizione di pregio, accompagnata da un commentario storico è stata curata dal vescovo Sergio Pagano, prefetto dell’Archivio, mentre le spese sono state sostenute dalla società Scrinium di Mestre, incaricata di distribuire la tiratura di 10.000 esemplari in cinque lingue: italiano, inglese, tedesco, spagnolo e portoghese.

«Potrebbe apparire poca cosa — scrive l’arcivescovo Jean-Louis Burguès, archivista e bibliotecario

di Santa Romana Chiesa, in apertura del commentario — l’edizione della Bolla di indizione di un concilio che ha illuminato la Chiesa e il mondo con i propri frutti, i preziosi documenti conciliari a tutti noti, che tanta parte hanno avuto e hanno nella vita della Chiesa. Se però si guarda all’ottica in cui è posto il curatore dell’opera (...) si vedrà che lo scavo documentario sottostante alla confezione del testo finale della Bolla è in grado di mostrare, alla pari di altri documenti di Papa Giovanni, l’identico intento pastorale, la grande anima di Angelo Giuseppe Roncalli, che avrebbe voluto dilatare la ricchezza del messaggio cristiano, quasi una nuova evangelizzazione, fino agli angoli più reconditi delle coscienze e delle intelligenze degli uomini moderni, anzi a lui contemporanei, e alla loro mutevole civiltà».

Caratteristica del lavoro di monsignor Pagano, infatti, è proprio il preciso apparato critico che egli ha posto alla base dell’edizione della minuta preparatoria della Bolla. Un attento labor limae compiuto da Giovanni XXIII e dai suoi più stretti collaboratori.

«In tale maniera — continua l’arcivescovo Bruguès — entriamo nei “retroscena” della Bolla di indizione e ne possiamo osservare le fasi di stesura, di crescita, di modificazione, di adattamento al pensiero giovanneo, fino alla resa finale pulita».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE