Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel perdono
la forza del cambiamento

· Il patriarca di Alessandria dei Copti ·

La grande forza del perdono e la necessità di rispondere all’emergenza educativa, come pure l’urgenza di sostenere tutto l’Egitto che da tempo sta affrontando una gravissima crisi economica. È quanto emerge dalle parole del patriarca di Alessandria dei Copti, Ibrahim Isaac Sidrak. 

Nei giorni scorsi a Roma, la guida della comunità copto cattolica ha preso parte a un incontro organizzato da Aiuto alla Chiesa che soffre per dare testimonianza della situazione dei cristiani in Egitto. È stata l’occasione per parlare dei rapporti con i copti ortodossi e con l’università di Al Azhar e dell’ideologia fondamentalista che cerca di entrare nel paese facendo leva sulla povertà di vasti strati della popolazione. «La nostra comunità — afferma — ha serie difficoltà, resta però salda nella fede perché è soltanto dall’amore che può nascere la riconciliazione. Non dobbiamo soltanto dire che siamo attaccati ma che siamo anche strumenti della missione della fede cristiana». Riguardo ai rapporti con la Chiesa copta ortodossa, il patriarca Sidrak ricorda la questione del reciproco riconoscimento del battesimo e parla dell’ottima relazione con Tawadros ii: «È una persona sensibile, spirituale, aperta e vuole fare qualcosa, ma ha ereditato una realtà molto chiusa. Siamo amici e dieci giorni fa ci siamo incontrati per la cerimonia del Consiglio delle chiese d’Egitto, tuttavia esiste una parte del clero che continua a coltivare un senso di rifiuto dell’altro che non si è ancora risolto, come invece auspicato durante la recente visita di Papa Francesco in Egitto».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE