Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel nome
di tutti i poveri

· Il cardinale Tagle nuovo presidente di Caritas Internationalis ·

«Grazie per la vostra fiducia. Le mie capacità sono limitate ma insieme a voi, con l’amore che Gesù ha riversato nei nostri cuori e nel nome di tutti i poveri nel mondo, accetto questo incarico. Insieme rafforzeremo la Chiesa dei poveri in modo che la nostra testimonianza possa aiutare a guidarci verso un mondo di giustizia comprensiva, libertà autentica e pace». 

Sono le prime parole — pronunciate in collegamento telefonico — del cardinale arcivescovo di Manila, Luis Antonio Tagle, eletto ieri, giovedì 14 maggio, nuovo presidente di Caritas Internationalis dall’assemblea generale in corso a Roma. Prende il posto del cardinale arcivescovo di Tegucigalpa, Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, che lascia la presidenza dopo due mandati quadriennali consecutivi.

La vita della Chiesa, ha proseguito Tagle, si regge su tre pilastri: la Parola di Dio, i sacramenti e il servizio della carità. Le Caritas possono «collaborare insieme per essere più strategicamente efficaci e produttive nella prevenzione dei disastri e nel farsi trovare preparate nel rispondere alle gravi catastrofi».

Gli effetti del clima sulle sciagure naturali e sull’aumento della fame nel mondo, insieme all’emergenza povertà e alle tante guerre che insanguinano il mondo, sono al centro dell’assemblea di Caritas Internationalis (il tema è «Una sola famiglia umana, prendersi cura del Creato») che deve definire strategie e programmi per i prossimi quattro anni. Intervenendo ai lavori, il cardinale presidente del Pontificio consiglio della giustizia e della pace, Peter Kodwo Appiah Turkson, ha detto che la comunità internazionale deve realmente impegnarsi per lo sviluppo sostenibile, mettendo in guardia da una «irrazionale infatuazione per il prodotto interno lordo» e dall’accumulazione di risorse per passare a lavorare insieme a «uno sviluppo sostenibile, in un sistema che leghi la prosperità economica all’inclusione sociale e alla protezione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE