Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel nome della verità

· Obama annuncia la declassificazione degli archivi segreti sulla dittatura militare argentina ·

Washington ha deciso di declassificare gli archivi segreti statunitensi riguardanti il periodo della dittatura militare in Argentina. A confermarlo è stato ieri il presidente, Barack Obama, giunto in visita a Buenos Aires. 

Il presidente statunitense Obama  insieme al capo di Stato argentino Macri (Ansa)

Una visita che cade proprio nel quarantesimo anniversario del colpo di Stato del 1976. Il capo della Casa Bianca ha incontrato il presidente argentino, Mauricio Macri. Al termine di un lungo colloquio, i due capi di Stato hanno ribadito la volontà di aprire una fase nuova nella relazione tra i Paesi. Obama ha sottolineato l’importanza della fase di «transizione storica» che l’Argentina sta vivendo e la necessità di «riforme per una crescita economica sostenibile». Sono stati siglati quindi diversi accordi sul fronte della lotta al narcotraffico, al terrorismo e alla povertà, e in materia commerciale. Sempre ieri, Obama ha incontrato, durante la visita alla Cattedrale metropolitana, il cardinale Mario Aurelio Poli, arcivescovo di Buenos Aires. Il presidente statunitense si recherà oggi in Patagonia per poi rientrare a Washington. Prima di ripartire, renderà pubblico omaggio alle vittime della dittatura militare.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE