Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel dialogo
con i musulmani

· Ricerca e formazione in un incontro promosso dai gesuiti del gruppo Jamia ·

Kuala Lumpur, 11. I gesuiti dell’Asia moltiplicheranno i loro sforzi e si impegneranno in una ricerca approfondita sul ministero del dialogo islamo-cristiano in Asia: è quanto emerso da un recente incontro tenutosi a Kuala Lumpur (Malaysia) promosso da un gruppo di religiosi della Compagnia di Gesù noto in Asia come “Jamia”, costituito da membri residenti in Pakistan, Bangladesh, India, Indonesia e Malaysia.

L’incontro ha avuto lo scopo specifico di condividere e riflettere sul lavoro dei gesuiti tra i musulmani, in particolare nel continente asiatico. «Questo impegno — ha spiegato a Fides padre Joseph Kalathil, che lavora nell’“Indian-Pakistan Peace Forum” — è parte della missione di Dio in Asia: il ministero del dialogo interreligioso, in uno spirito di collaborazione e di apertura all’altro».
Hanno portato la loro esperienza religiosi da Bangladesh, India e Indonesia. Dal Bangladesh — ha rilevato il gesuita padre Probash — «c’'è un buon rapporto tra Chiesa e governo» e si riscontra «una discreta apertura dei mass-media che pubblicano regolarmente notizie sulle festività cristiane, come durante la Pasqua e il Natale». In India, alcuni gesuiti in passato hanno aperto una strada di proficue relazioni tra cristiani e musulmani, mentre in Indonesia di recente è tornato il pericolo della crescita dell’intolleranza religiosa, come si riscontra nel caso del governatore cristiano di Jakarta, accusato di blasfemia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE