Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel cuore
di ognuno di noi

· ​La misericordia di madre Teresa al centro di un simposio organizzato da AsiaNews ·

Anche per il continente asiatico la canonizzazione di madre Teresa è senza dubbio uno degli eventi più rilevanti di quest’anno. La fondatrice delle missionarie della Carità è riuscita infatti in vita a guadagnarsi la stima e il rispetto delle grandi tradizioni religiose dell’Asia — induismo, buddismo e islam — e a coinvolgere governi e popoli in una gara di compassione e misericordia che ha pochissimi paragoni nell’epoca contemporanea. I funerali della madre bloccarono Calcutta per cinque giorni, e gli onori tributati alla “matita di Dio” continuano a susseguirsi negli anni. L’esempio della futura santa — nata in Albania ma divenuta cittadina indiana — non deve però rimanere sulla carta ma ha il dovere di essere assimilato da tutti coloro che intendono davvero onorarne la memoria. È questo il senso che in sottotraccia accompagna il Simposio 2016 organizzato da AsiaNews, agenzia del Pontificio istituto missioni estere (Pime), dedicato alla figura della religiosa e all’influenza che la sua canonizzazione sta operando in Asia e nel mondo. Il titolo dell’incontro è «Madre Teresa, la misericordia per l’Asia e il mondo», e l’appuntamento è per venerdì 2 settembre, a partire dalle ore 15, presso la sala Giovanni Paolo ii della Pontificia università urbaniana.

I relatori previsti sono numerosi. Ad aprire i lavori sarà il saluto del cardinale Fernardo Filoni, prefetto della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli, al quale seguirà una riflessione sull’opera delle missionarie della Carità da parte dell’arcivescovo di Bombay, cardinale Oswald Gracias. Sarà poi la volta del postulatore della causa di canonizzazione, padre Brian Kolodiejchuk, e della superiora generale dell’istituto, suor Mary Prema Pierick. Parleranno inoltre il superiore generale del Pime, padre Ferruccio Brambillasca, e padre John A. Worthley; quest’ultimo rifletterà sull’influenza di madre Teresa in Cina. Prevista infine una testimonianza del rapporto fra la beata e il mondo islamico.

di Vincenzo Faccioli Pintozzi

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE