Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel 2019 previsto il rientro in patria di 250.000 siriani

· Secondo le previsioni dell’Onu ·

Nel 2019 250.000 rifugiati siriani potrebbero far ritorno nel loro paese, devastato da un conflitto che va avanti senza interruzioni dal 2011. Lo afferma l’alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), secondo il quale circa 37.000 sono rientrati in Siria già quest’anno. Il numero indicato «può salire o scendere in base al ritmo con cui stiamo lavorando per rimuovere ciò che ostacola il loro ritorno», ha detto Amin Awad, direttore di Unhcr per il Medio oriente e il Nord Africa.

Una famiglia siriana nel campo profughi di Serjilla (Afp)

Dal 2015 a oggi, in totale, circa 117.000 rifugiati sono rientrati nel loro paese. Secondo i dati dell’alto commissariato, circa 5,6 milioni di rifugiati siriani — tra i quali un milione nato dopo la fuga dalla Siria — rimangono ancora nei paesi confinanti: Turchia, Libano, Giordania, Egitto e Iraq.

«Si tratta di rientri organizzati, totalmente volontari e in condizioni di sicurezza, naturalmente con la partecipazione dell’Unhcr» ha sottolineato Awad, che ha dichiarato di non aver constatato, nonostante la fine imminente del conflitto, «una accelerazione dei rientri». Questo è dovuto, prosegue il direttore regionale per il Medio oriente e il Nord Africa, ai numerosi ostacoli che i siriani devono affrontare: dall’assenza di documenti di identità e di titoli di proprietà alla grave carenza di servizi sanitari ed educativi nei luoghi di destinazione.

Dal canto suo, l’ufficio Onu per il coordinamento umanitario (Ocha) ad Amman ha annunciato l’avvio di una vasta operazione logistica di invio di più di 10.000 tonnellate di aiuti umanitari verso la Siria, destinati a circa 650.000 siriani in stato di bisogno. Le operazioni dureranno un mese e si svolgeranno attraverso il valico frontaliero di Jaber-Nassib che ha riaperto solo poche settimane fa dopo anni di chiusura.

Le Nazioni Unite affermano che circa 13 milioni di siriani, tra sfollati interni e profughi nei paesi confinanti, hanno oggi urgente bisogno di aiuto.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE