Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nel 2015 assassinati 185 ecologisti

· Ben 122 omicidi soltanto in America latina ·

La mappa delle vittime elaborata da Global Witness

Di clima si può morire, e non solo a causa dell’inquinamento. Gli attivisti che difendono l’ambiente, spesso impegnati a contrastare interessi che li sovrastano, rischiano la vita. Nel 2015 ne sono stati assassinati 185 nel mondo, 122 dei quali in America latina. A diffondere il dato è stata l’organizzazione internazionale Global Witness che in dieci anni ha documentato 1176 assassinii di militanti ecologisti in tutto il mondo. Coloro che si battono per il rispetto del nostro pianeta — denuncia Global Witness — spesso non godono di protezione di alcun tipo, né mediatica né di sicurezza, e inoltre vanno a intaccare interessi di gruppi molto potenti, lobby e multinazionali, o della criminalità organizzata. In America latina è il Brasile il paese più pericoloso per gli attivisti. A essere colpiti sono i militanti impegnati nelle negoziazioni nei grandi progetti infrastrutturali e gli indios che si battono per il rispetto della loro terra. Gli autori del rapporto sottolineano che spesso le indagini sugli omicidi sono molto superficiali e arrivano soltanto a colpire, nel migliore dei casi, l’esecutore materiale dell’assassinio, non chi sta dietro, i mandanti. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE