Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Preghiera
e testimonianza

· Negli Stati Uniti la settimana per le vocazioni ·

Washington, 7. Suscitare interrogativi, incoraggiare risposte alla chiamata di Dio attraverso la testimonianza e la preghiera: è lungo questo crinale che si snoda dal 5 all’11 novembre negli Stati Uniti la National Vocation Awareness Week, la Settimana nazionale delle vocazioni. Appuntamento ormai tradizionale, promosso dalla commissione episcopale per il clero, la vita consacrata e le vocazioni, che punta a essere una speciale occasione di incontro e di riflessioni per promuovere la cultura vocazionale e incoraggiare le persone, e in particolare i giovani, a porsi una domanda cruciale: «A quale vocazione nella vita mi sta chiamando Dio?».

In questa prospettiva, parrocchie, scuole e comunità sono invitate a promuovere attivamente e a pregare per realizzare una cultura delle vocazioni al sacerdozio, al diaconato, e alla vita consacrata.

In una dichiarazione diffusa dal sito in rete dell’episcopato statunitense, il cardinale arcivescovo di Newark, Joseph William Tobin, presidente della commissione episcopale per il clero, la vita consacrata e le vocazioni, invita a partecipare attivamente alla settimana ricordando come nella Chiesa ciascun battezzato abbia un ruolo fondamentale da svolgere nella testimonianza della propria vocazione nelle circostanze ordinarie della vita: «Come facciamo ogni giorno, e specialmente in questa settimana, dobbiamo tenere presenti le vocazioni nella nostra preghiera, mentre, nello stesso tempo, dobbiamo essere testimoni consapevoli della nostra vocazione. Non possiamo mai sapere come le nostre vite possano avere un impatto sulla storia di qualcun altro». Occorre, dunque, prosegue il porporato, «semplicemente vivere la nostra chiamata come discepoli di Gesù Cristo pienamente e gioiosamente, testimoniando nel mondo l’amore di Cristo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE