Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Musulmani ascoltate il Papa

· Messaggio del capo del Consiglio degli imam filippini ·

Manila, 29. «Gli sforzi di Papa Francesco per la pace e il bene dell’umanità devono essere ascoltati e sostenuti da tutti gli esseri umani, senza distinzione di religione o credo. Nello specifico, invito i miei fratelli e i fedeli musulmani ad ascoltare e a comprendere le parole del Pontefice: vanno seguite, se vogliamo sconfiggere il terrorismo». È quanto ha dichiarato il capo del Consiglio degli imam delle Filippine, Ebra M. Moxsir al-Haj, durante un’intervista televisiva al programma “Know the Truth”, che andrà in onda i primi di gennaio 2015 in vista dell’arrivo di Papa Bergoglio nel Paese, di cui AsiaNews ha diffuso i contenuti.

Il leader islamico, che è anche cappellano delle Forze nazionali di polizia, ha sottolineato quanto sia importante «dare il benvenuto sincero al Pontefice e sostenere i suoi appelli per la cooperazione interreligiosa. Francesco — ha spiegato Moxsir al-Haj — ci spinge a improntare i rapporti fra le fedi sulla sincerità e sulla buona volontà: questa è l’unica strada per una vera pace. Io sostengo con forza la sua posizione contro l’estremismo, che non si fermerà davanti a nulla se non alla pace fra le religioni».

Secondo il capo del Consiglio degli imam delle Filippine, «i buoni cristiani e i buoni musulmani vogliono la pace e la coabitazione. In questo senso è molto importante il ruolo dell’istruzione, soprattutto religiosa: se i nostri fratelli e le nostre sorelle sono educati bene nella propria fede, allora non vengono tentati dagli estremisti religiosi».

Papa Francesco viaggerà di nuovo in Asia dal 12 al 19 gennaio 2015: la prima tappa è prevista in Sri Lanka, dove rimarrà fino al 15; la seconda appunto nelle Filippine. Il programma del viaggio papale prevede una giornata con i sopravvissuti al tifone Yolanda, un incontro con i leader religiosi del Paese, una messa domenicale a Manila, cui sono attese cinque milioni di persone, e una tappa è prevista anche all’università cattolica di San Tommaso (Ust). 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE