Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Musica inclusiva

· La Sistina e il coro di Westminster insieme al concistoro ·

Il maestro della Cappella Musicale Pontificia, Massimo Palombella, racconta che nel 2012, quando la Sistina si recò a Londra per provare insieme al coro di Westminster Abbey e tenere un concerto nella cattedrale di Westminster, l’arcivescovo di Westminster, Vincent Nichols, mi disse che era un suo grande desiderio vedere un giorno il coro della sua cattedrale cantare a una celebrazione papale insieme alla Cappella Sistina. La recente creazione a cardinale dell’arcivescovo Nichols ha determinato la felice condizione per realizzare il suo desiderio e così, la Cappella Musicale Pontificia e il coro della Cattedrale di Westminster si fonderanno per le celebrazioni del concistoro.

Il permettere l’incontro di culture diverse, di tradizioni musicali diverse — e anche apparentemente lontane — costituisce una cifra importante del servizio ecclesiale della Cappella Musicale Pontificia. Infatti questa antica istituzione non esiste, e non avrebbe senso di esistere, solo e soltanto per fare un po’ di musica. La sua vera profonda identità la possiamo rintracciare esclusivamente all’interno di un servizio ecclesiale, dove l’evangelizzazione è l’asse portante di tutta l’attività.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE