Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Mor Ignatius Aphrem II
alla guida dei siro-ortodossi

· Eletto dal sinodo della Chiesa di Antiochia riunitosi in Libano ·

Beirut, 1. La Chiesa siro-ortodossa ha eletto il suo centoventitreesimo patriarca. Si tratta del quarantottenne, di origine siriana, Cyril Aphrem Karim, che prende il posto di Ignatius Zakka I Iwas, morto il 21 marzo scorso, a quasi 81 anni, in un ospedale di Kiel, in Germania. La sua elezione è avvenuta nel quartier generale della Chiesa siro-ortodossa, nella località libanese di Atshaneh, a nord-est della capitale Beirut. Karim, il cui titolo ufficiale sarà quello di patriarca di Antiochia e di tutto l’Oriente, era finora arcivescovo degli Stati Uniti d’America orientali. Prenderà il nome di Mor Ignatius Aphrem II.

La Chiesa siro-ortodossa è una delle più antiche comunità cristiane orientali, che conta oltre quattro milioni di fedeli che vivono in Siria, Libano e Iraq. Comunità siro-ortodosse sono presenti anche in Germania, in Svezia e negli Stati Uniti, a seguito delle forti ondate migratorie avvenute a partire dal XIX secolo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE