Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Moody’s pronta a colpire Tokyo

· Sotto osservazione il debito giapponese ·

Timori sulle prospettive di crescita

L’agenzia di rating Moody’s ha messo sotto osservazione la situazione del debito giapponese in vista di «un possibile downgrade», mentre il Governo di Tokyo continua a lottare per rafforzare il processo di ricostruzione post-sisma.

L’agenzia ha preso l’iniziativa dopo l’outlook negativo attribuito lo scorso 22 febbraio. Il riesame si è reso necessario a causa «delle ripetute preoccupazioni sulle incerte prospettive di crescita e sulla risposta politica debole che renderebbe più difficile la capacità del Governo di realizzare un piano credibile di riduzione del disavanzo» si legge in una nota. Senza il risanamento dei conti, il debito del Giappone «crescerà inesorabilmente a un livello che è già ben superiore a quello delle altre economie avanzate».

Il rapporto tra debito e pil è già oltre il 200 per cento, il più alto tra i Paesi più industrializzati. L’annuncio di Moody’s segue l’azione della scorsa settimana di Fitch, che ha assegnato un outlook negativo al rating «AA meno», mentre Standard & Poor’s ha disposto nel recente passato un outlook negativo al giudizio «AA meno».

Intanto, la produzione industriale giapponese è aumentata dell’un per cento in aprile, mettendo a segno un primo rimbalzo (meno però del 2,2-2,4 per cento atteso dagli analisti) dopo il meno 15,5 per cento record segnato a marzo in scia al devastante sisma. Il ministero dell’Economia, del Commercio e dell’Industria, nel diffondere la statistica, ha rivisto al rialzo le sue stime sull’economia, definendole «su livelli bassi e deboli, ma con una ripresa ipotizzabile in futuro». Le consegne sono aumentate del 2,7 per cento, mentre le scorte hanno avuto un incremento dello 0,5 per cento. Il ministero prevede un balzo a maggio dell’otto per cento e del 7,7 a giugno. La Borsa di Tokyo ha concluso gli scambi con un balzo dell’1,99.

Aumenta anche la disoccupazione. Secondo il ministero degli Interni nipponico, il livello dei senza lavoro è salito al 4,7 per cento ad aprile, il primo rialzo negli ultimi sei mesi, rispetto al 4,6 di marzo. In valori assoluti i disoccupati ad aprile sono stati 3,09 milioni, 300.000 in meno su base annua.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE