Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Monoteismi e scelte di vita

· Uno studio di Gérard Delille su famiglia, economia e politica ·

Uno studio rigoroso e di ampio respiro. L’economia di Dio. Famiglia e mercato tra cristianesimo, ebraismo, islam (Roma, Salerno, 2013, pagine 270, euro 16) di Gérard Delille mette a confronto i sistemi di parentela, le economie e i sistemi politici nei Paesi cristiani, nel mondo ebraico e in quello islamico, ne sottolinea le trasformazioni e i ritmi di sviluppo e lega strettamente le scelte matrimoniali e parentali di ciascun gruppo religioso con la sua storia economica e politica. Una connessione che non è tuttavia, nell’interpretazione di Delille, una dipendenza delle strategie familiari da quelle economiche, come molta parte della storiografia ancora sostiene. Molto attento a evitare qualsiasi deriva deterministica, l’autore mette sempre in luce il reciproco intreccio e complementarità dei fattori sociali, politici e culturali.

Ugualmente preoccupata di mettere in rilievo le diverse possibilità di scelta è la sua interpretazione dello sviluppo nel tempo delle strade prese dalle tre religioni monoteistiche. Perché — questo è uno dei suoi assunti fondamentali — le strategie familiari di questi tre mondi divergono sempre più nel corso della storia collegandosi ad altrettanto diverse scelte sociali e politiche, mai predeterminate o in sé necessarie, fino a spiegare la loro attuale diversità.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE