Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Monache per grazia di Dio

· La beatificazione di 14 francescane concezioniste spagnole ·

Quando i miliziani repubblicani assalirono il monastero di via Sagasti 25, a Madrid, gridavano: «Mueran las monjas!»; e loro, «las monjas», morivano gridando: “Viva Cristo Rey!”. Erano gli anni della guerra civile spagnola e ben quattordici monache dell’ordine delle Francescane concezioniste vennero martirizzate semplicemente perché religiose. Isabel Lacaba Andía (M. María del Carmen) e le sue tredici compagne vengono ora beatificate dal cardinale Angelo Becciu, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, in rappresentanza di Papa Francesco, sabato 22 giugno a Madrid.

La propaganda delle milizie repubblicane dipingeva le monache come amiche dei ricchi che sfruttavano i lavoratori. Quando la persecuzione divenne più violenta alcune monache si rifugiarono nelle case di famiglia o di amici. Quando vennero scoperte i miliziani chiesero: «Voi siete monache?»; esse risposero “Sì, per grazia di Dio». Queste parole equivalsero a una sentenza di morte eseguita immediatamente.

Le quattordici monache appartengono a tre comunità diverse e sono state divise in tre gruppi secondo le comunità di appartenenza: il primo gruppo comprende dieci religiose del monastero di San José di Madrid; il secondo gruppo comprende due religiose del Monastero di El Pardo (Madrid); il terzo comprende due monache del Monastero di Escalona (Toledo).

Madre Isabel Andía Lacaba nacque a Borja il 3 novembre 1882. Era figlia di María Andía Ceric e di Juan Lacaba Arilla, un umile contadino. Fedele alla sua vocazione religiosa, entrò nel convento concezionista di San José il 3 novembre 1902. Il 12 febbraio 1903 vestì l’abito; poi, nel marzo 1904, fece la professione dei voti semplici, e il 10 marzo 1907 quella dei voti solenni. Eletta abbadessa della comunità nel 1935, dovette subire le persecuzioni religiose di quei terribili momenti; ma già nel 1931, sull’onda di un diffuso anticlericalismo, aveva dovuto lasciare il monastero insieme alle consorelle per sfuggire a un incendio provocato dalla folla che gridava contro le suore e contro la religione. La stessa cosa accadde nel 1936, all’indomani delle elezioni politiche. Fino a quando, il 19 luglio, la comunità dovette abbandonare definitivamente il monastero.

Le religiose cercarono rifugio presso alcuni conoscenti. Sappiamo che l’8 novembre due altre religiose riuscirono a portare dei viveri alle consorelle e che lo stesso giorno le dieci suore furono portate via dai miliziani, divise in due gruppi da tre e uno da quattro. Da allora non si ebbe più notizia di loro e si presume che lo stesso giorno — come accaduto in quel periodo a tantissimi altri religiosi e sacerdoti — furono fucilate dai miliziani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE