Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Molti seminaristi e sacerdoti per la piccola Gozo

· Tra sette giorni il Pontefice a Malta ·

Minuscola isola al centro del mare Mediterraneo, Gozo è parte della Repubblica di Malta. Ha una superficie di 67 chilometri quadrati, un quarto di quella dell'intero arcipelago. Ha una popolazione di poco superiore alle trentunomila unità, circa il 7,5 per cento di quella della nazione maltese.

L'isola di Gozo ebbe un proprio vescovo in età medievale, ma a partire dalla metà del dodicesimo secolo, divenne parte della diocesi di Malta. Tuttavia, a causa dei poverissimi mezzi di comunicazione e dei compiti sempre più impegnativi, il vescovo visitava raramente Gozo. Alcuni presuli non vi misero mai piede. I sacerdoti e i fedeli desideravano dunque avere di nuovo un vescovo che fosse più vicino. Infine, il Papa Pio ix esaudì i loro desideri. Con la Bolla Singulari Amore del 16 settembre 1864, l'isola e la vicina Comino furono separate da Malta e venne eretta una diocesi indipendente. Il 22 settembre 1864, fu eletto il primo vescovo, Michele Buttigieg. Monsignor Mario Grech è l'ottavo presule.

Le principali istituzioni della diocesi si trovano a Rabat, il capoluogo dell'isola. La cattedrale, che domina l'antica cittadella di Gozo, è intitolata a santa Maria, all'Assunzione in Cielo della Beata Vergine, patrona speciale della diocesi. La chiesa attuale, che è almeno la terza a sorgere sulla stessa area, è stata consacrata l'11 ottobre 1716. Dal 1445 ha un collegio di canonici che si riuniscono ancora oggi, quotidianamente, per l'Ufficio divino. Anche il santuario mariano nazionale della Madonna Ta' Pinu è situato a Gozo. È vicino a una cappella dalla quale, il 22 giugno 1883, la Vergine invitò per tre volte una contadina a pregare senza sosta.

Il seminario del Sacro Cuore fu inaugurato il 4 novembre 1866. Inizialmente fu diretto dai padri gesuiti e poi, dal 1909, da sacerdoti diocesani. Il seminario offre corsi di filosofia, teologia e materie affini per formare i giovani al sacerdozio. Per decreto del 13 aprile 1994, la Congregazione per l'Educazione Cattolica ha affiliato il seminario alla Pontificia Università di san Tommaso a Roma. Attualmente, vi studiano diciotto seminaristi.

La diocesi gestisce due scuole secondarie, una maschile e una femminile, che sono considerate le più valide dell'isola. Ha anche quattro scuole primarie e alcuni asili per bambini. In totale istruisce il trenta per cento della popolazione scolastica di Gozo. A Gozo ci sono quindici parrocchie e a Comino una chiesa facente funzione. Inoltre vi sono trentacinque chiese e cappelle che servono le comunità vicine.

La diocesi possiede molti membri al servizio dei fedeli. Al momento, ha duecentotré sacerdoti, trentacinque dei quali, cioè più del diciassette per cento, vivono all'estero, impegnati in opere pastorali o in corsi di studi superiori.

In genere, i sacerdoti di recente ordinazione lasciano la diocesi per due anni o più, per fare esperienza pastorale all'estero.

Sull'isola sono presenti sei ordini religiosi. I primi a stanziarvisi furono nel quattordicesimo secolo gli agostiniani, seguiti dai tre maggiori ordini francescani — conventuali, cappuccini, e frati minori — poi dai gesuiti, e dalla locale Società missionaria di san Paolo.

Vi sono anche sei istituti religiosi femminili. Le suore francescane del Sacro Cuore di Gesù di Malta, fondate a Rabat-Gozo, il 15 agosto 1880, e ora presenti nei cinque continenti. Sempre fondate a Rabat-Gozo, il 6 ottobre del 1889, sono le suore domenicane di santa Caterina da Siena, anch'esse presenti in diversi Paesi del mondo. Inoltre vi sono le Figlie della Carità di santa Giovanna Antida Thouret, le suore agostiniane Serve di Gesù e Maria, le missionarie carmelitane di santa Teresa del Bambino Gesù, e le Figlie di Maria Ausiliatrice.

Vi sono anche cinque istituti secolari, uno maschile e quattro femminili, uno dei quali, Anawim, è stato fondato a Gozo il 28 novembre 1987.

Alcune organizzazioni laiche si dedicano all'educazione dei bambini, dei giovani e degli adulti. La principale è la società maltese di dottrina cristiana, conosciuta anche come Museum, con settori maschili e femminili in quasi tutte le parrocchie e che, in pratica, prepara tutti i bambini dell'isola alla prima Comunione e alla confermazione. Il fondatore, Giorgio Preca (1880-1962), è il primo santo maltese: Giovanni Paolo II lo ha beatificato il 9 maggio 2001 durante il suo viaggio a Malta; Benedetto XVI lo ha canonizzato il 3 giugno 2007. Seguono l'Azione cattolica, la Legio Mariae, il Cammino neo-catecumenale, il Movimento carismatico e diversi altri gruppi parrocchiali, che operano per l'evangelizzazione di tutti i settori della popolazione.

La diocesi è una delle più piccole nella Chiesa cattolica. Ciononostante ha uno dei più alti tassi, se non il più alto, di seminaristi e di sacerdoti rispetto alla popolazione. Bisogna però aggiungere che il sessanta per cento dei sacerdoti ha superato i sessant'anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE