Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Miti e simboli che fanno l’uomo

· Il contributo di Julien Ries all’antropologia del sacro ·

Julien Ries ha sempre definito la disciplina che praticava “storia delle religioni” e nello stesso tempo “antropologia religiosa”: le due espressioni non significano però la stessa cosa e, per capire meglio le peculiarità del suo approccio alle religioni, è utile vedere come, nei suoi lavori, sia passato dall’una all’altra. Lo scrive Natale Spineto precisando che Ries, specialista del manicheismo, cui ha dedicato la tesi di dottorato e numerosissimi saggi negli anni successivi, è considerato uno degli esponenti di spicco della storia generale delle religioni attuale, cui ha contribuito con molti e imponenti lavori nei quali ha ricostruito le fasi e le metodologie delle ricerche religiose dal XIX secolo a oggi, ha trattato i grandi temi della disciplina come il mito, il simbolo, il rito, ha presentato e divulgato i risultati degli studi in materia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE