Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Missione umanitaria russa in Ucraina

· Durão Barroso diffida Putin da possibili azioni militari ·

Cresce la tensione in Ucraina. Mosca ha annunciato che invierà una missione umanitaria nel sud-est del Paese travolto dalla guerra, riaccendendo così i timori occidentali di un dispiegamento delle truppe russe dietro la scusa di aiutare la popolazione. Il Cremlino ha assicurato che l’azione russa si svolgerà «in cooperazione con la Croce rossa internazionale». Il presidente della Commissione europea, José Durão Manuel Barroso, ha diffidato il presidente russo Vladimir Putin dal mettere in campo azioni militari unilaterali.

In un colloquio telefonico il presidente statunitense, Barack Obama, e il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, hanno concordato sul fatto che ogni intervento umanitario in Ucraina va fatto con il consenso di Kiev. In caso contario Mosca violerebbe le leggi internazionali e provocherebbe ulteriori sanzioni.

E la denuncia da parte della Nato di circa ventimila soldati russi ammassati al confine (addirittura 45.000 secondo Kiev) non contribuisce di certo ad allentare la tensione. Nei giorni scorsi il segretario generale dell’Alleanza atlantica, Anders Fogh Rasmussen, non ha esitato a parlare di «un’alta probabilità» che il Cremlino — che Kiev e i suoi alleati occidentali accusano da tempo di armare e sostenere i separatisti — intervenga militarmente in Ucraina. Da parte sua, la Russia ha comunque precisato di aver trovato un’intesa con Kiev e che «la missione si svolgerà senza scorta militare». Il presidente ucraino Petro Poroshenko ha dichiarato che l’azione umanitaria deve essere internazionale, coordinata dalla Croce rossa, e vi parteciperanno Ue, Russia, Germania e altri partner, tra cui gli Stati Uniti. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE