Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Misericordia e verità

· In preparazione al sinodo sulla famiglia ·

«Il tema del processo sinodale, “Sfide pastorali sulla famiglia nel contesto della evangelizzazione”, indica con evidenza che le questioni pastorali pressanti possono essere trattate non in modo isolato, ma soltanto sulla base e nel contesto complessivo del vangelo e del compito di evangelizzare, comune a tutti i battezzati.

Jonas Gerard«La famiglia» (2013)

 Perciò nella discussione dovrebbero partecipare, non ultimi, cristiani che vivono in situazioni familiari e talvolta in situazioni familiari difficili». Così il cardinale Walter Kasper, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, nella premessa al libro Il vangelo della famiglia (Brescia, Queriniana, 2014, pagine 78, euro 9) che contiene la sua relazione introduttiva al concistoro del 20 e 21 febbraio scorsi e due testi inediti che riportiamo quasi per intero. «La pubblicazione — spiega il cardinale sempre nella premessa — non intende anticipare la risposta del Sinodo. Essa vuole piuttosto confrontarsi con le domande e preparare basi per discuterne. A una risposta, che speriamo unanime, possiamo giungere solo attraverso la comune riflessione sul messaggio di Gesù, attraverso uno scambio — disponibile all’ascolto — di esperienze e argomentazioni, e soprattutto attraverso la comune preghiera per ricevere lo Spirito santo di Dio». La misericordia è legata alla verità, continua Kasper, ma anche viceversa: la verità è legata alla misericordia. La misericordia è il principio ermeneutico per interpretare la verità. "Le considerazioni presentate nel Concistoro - scrive il cardinale - sono state precedute, già da diversi anni a questa parte, da dialoghi con pastori in cura d’anime, consulenti matrimoniali e familiari, nonché con coppie e famiglie interessate. Immediatamente dopo la relazione, tali conversazioni sono spontaneamente riprese. Soprattutto confratelli religiosi vogliono sapere, per lo più molto rapidamente, che cosa essi devono o possono fare in concreto. Queste domande sono comprensibili e giustificate. Tuttavia non ci sono ricette semplici. Tanto meno si può, nella Chiesa, imporre determinate soluzioni arbitrariamente o costruendo macchinazioni minatorie. Per arrivare a una soluzione possibilmente unanime è necessario compiere molti passi".

Walter Kasper

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE