Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Misericordia

· Un inedito di Montini ·

Non è datato ma risale probabilmente agli anni trenta l’inedito di Giovanni Battista Montini sulla misericordia che riprendiamo dall’ultimo numero del bollettino dell’Istituto Paolo VI e che è conservato a Concesio nell’archivio dell’istituzione.

Non basta dire: Dio è Amore, Dio ha amato il mondo; biso-

gna aggiungere: Dio è Misericordia, Dio ha amato un mondo colpe-

vole. Non figli, non semplici creature, ma ribelli, ma in-

grati, ma perduti Suoi esseri ha amato. Esseri che non

erano degni, né utili, né piacevoli, né in sé, né a Lui

buoni.

E quelli più lontani e più miseri, quelli più avversi e

più cattivi, quelli ha amato.

Né quest’amore è stato prodigioso solo in sé e per l’in-

tima felicità di Dio; ma lo è stato anche per gli esseri

immeritevoli che ne sono l’oggetto inesplicabile. È stato

un amore salvatore.

Dio amando il peccatore dà esempio di somma indulgenza,

salvandolo di pari esigenza. Si piega sul male la mi-

sericordia, ma non perché resti tale e perché sia vinta

la giustizia, ma piuttosto perché la giustizia sia ricompo-

sta nei suoi diritti ed abbia la sua rivendicazione. Dio ama

il cattivo non perché tale, ma per farne un buono; e mentre

spinge la tolleranza fino a cancellare le conseguenze

fatali del peccato, restaura l’assolutezza della legge morale

riconducendo in essa il peccatore.

Questo singolare rapporto della misericordia con la giustizia

è uno dei problemi più profondi e più chiaramente risoluti

dal cristianesimo. A nessuno vien nemmeno fatto di pensare

che la misericordia di Dio, annunciata come si deve, e sve-

lata nella sua sorgente e nel suo termine, ch’è l’Amore, sia

corriva col male e indebolisca la forza dell’imperativo

morale; ma piuttosto è a tutti palese ch’essa, ed essa sola,

è capace di ricuperare il bene perduto, di ripagare nel bene

il male compiuto e di generare nuove forze di giustizia e di santità.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE