Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Minaccia dell’Is sulla Libia

· Secondo l’Onu è urgente formare un Governo di unità nazionale ·

Bisogna fermare l’espansione del terrorismo in Libia: questa la priorità indicata ieri dall'inviato speciale delle Nazioni Unite Martin Kobler.

Esplosioni durante l’attacco  a un sito petrolifero in Libia (Reuters)

La minaccia di una massiccia avanzata del cosiddetto Stato islamico (Is) nel Paese sta crescendo; i terroristi hanno dimostrato di avere la capacità di agire in parallelo, allargandosi non solo verso est, verso i pozzi petroliferi. Per fermarli — ha sottolineato Kobler — «c’è bisogno che i libici, siano uniti». Il diplomatico tedesco ha affermato che «prima di una eventuale azione militare ci vuole un Governo in Libia, che deciderà la sua strategia per combattere l’Is e poi eventualmente chiederà l’aiuto internazionale. Ora la priorità è dare possibilità all’accordo politico libico di formare il Governo. Sono in contatto quotidiano con loro».

E tuttavia, il cammino verso un Governo unitario, basato sull'accordo sostenuto dall'Onu, appare sempre più problematico. Ieri l’ala più radicale del Congresso nazionale generale di Tripoli ha annunciato che l’autoproclamato Parlamento insediato nella capitale libica continuerà a riunirsi nonostante gli accordi per un Governo di unità nazionale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

08 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE