Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Mille anni di storia ad Avignone

Poco dopo aver accolto la settantesima edizione del Festival internazionale del teatro, il palazzo dei Papi di Avignone apre di nuovo al pubblico le porte del cortile d’onore, in occasione dello spettacolo in suoni e luci Les Luminessences d’Avignon. Ogni sera — fino al 2 ottobre — verranno diffuse delle miniature che ripercorrono i mille anni di storia di questo grande tempio della civiltà europea che accolse per un certo tempo il soglio di Pietro, nel xiv secolo, prima di diventare teatro dello scisma d’occidente. Le miniature sono proiettate a 360 gradi sull’intera superficie delle quattro facciate del cortile, grazie a tredici videoproiettori dalle elevatissime prestazioni, conferendo all’evento un’ampiezza magistrale. Si succedono le sequenze delle grandi tappe storiche che hanno segnato questo gioiello dell’architettura gotica medievale, iscritto nel patrimonio mondiale dell’Unesco: dalla cattività avignonese (1309-1377) ossia il periodo durante il quale il papato fu trasferito nella città francese, fino al grande scisma che vide, tra il 1378 e il 1417, Papi e antipapi disputarsi il controllo del soglio di Pietro; dalla nascita del felibrismo, movimento letterario ottocentesco di difesa della lingua occitana, all’introduzione, da parte di Jean Vilar nel 1947, del Festival del teatro.

La colonna sonora, scritta dallo sceneggiatore Bruno Seillier, è cantata dalle voci di tre illustri esponenti del teatro francese: Francis Huster, Céline Duhamel e Claude Giraud. Lo spettacolo, che dura circa 40 minuti, prevede tre rappresentazioni a settimana in lingua inglese, per favorire una più ampia partecipazione internazionale. Da diversi anni, sulle orme del Puy du Fou in Vandea, si moltiplicano iniziative del genere su tutto il territorio francese, riscuotendo ogni volta un considerevole successo.
E proprio i luoghi sacri sono le scenografie che maggiormente suscitano l’interesse del grande pubblico, offrendo un’occasione per tramandare ai giovani la memoria degli episodi più gloriosi della storia della Chiesa in Francia. (solène tadié)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

27 aprile 2018

NOTIZIE CORRELATE