Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Milioni di civili senza cure

· La denuncia dell’Oms sulla condizione della popolazione yemenita ·

Sempre più drammatica la situazione della popolazione dello Yemen, intrappolata negli scontri a fuoco. L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) è riuscita a dislocare degli operatori medici per fornire i servizi sanitari di base alle persone sfollate, ma attualmente più di 14,8 milioni non hanno accesso alle cure sanitarie di base, meno del 45 per cento delle strutture di cura è ancora in funzione e il 17 per cento non è funzionante. 

Civili yemeniti tra le macerie dei bombardamenti (Reuters)

Da qui il rinnovo dell’appello dell’agenzia delle Nazioni Unite ai partner internazionali a dare aiuti. Secondo i dati dell’Oms, 274 centri sanitari sono stati distrutti o danneggiati, 13 operatori sanitari sono stati uccisi e 31 feriti a causa del conflitto che oppone i ribelli huthi, sostenuti dalle milizie fedeli all’ex presidente Saleh, e le forze governative leali al presidente Hadi, internazionalmente riconosciuto e che gode del supporto della coalizione a guida saudita. Dopo quasi due anni di guerra, 18,8 milioni di persone hanno bisogno di assistenza e protezione umanitaria, oltre sette milioni hanno difficoltà ad avere cibo e più di 8 milioni non hanno accesso ad acqua pulita e servizi igienici. Quasi 3,3 milioni, di cui 2,1 bambini, sono gravemente malnutriti. Dal 2015 — si legge sempre nel rapporto dell’Oms — gli scontri hanno costretto più di tre milioni di persone ad abbandonare le loro case. In Yemen si muore per cause evitabili: nel 50 per cento dei casi per malattie infettive, problemi nutrizionali, perinatali e materni, e nel 39 per cento dei casi per malattie croniche, come quelle renali, diabete, e ipertensione per la mancanza di accesso alle terapie. Da ottobre 2016 sono stati segnalati inoltre quasi 19.000 casi sospetti di colera. Ogni giorno in media 75 persone rimangono ferite o uccise. Da qui, come detto, il rinnovo dell’appello delle Nazioni Unite ai partner internazionali a sostenere, anche nel 2017, gli sforzi fatti per dare una specifica assistenza sanitaria ai cittadini yemeniti: servono 322 milioni di dollari, di cui 126 milioni all’Oms, anche per pagare i salari degli operatori sanitari e le forniture mediche.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2018

NOTIZIE CORRELATE