Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Migrazioni
e matrimoni misti

· ​Sfide della Chiesa nel sud-est europeo ·

Celebrazione di matrimoniocon rito ortodosso

Il fenomeno delle migrazioni e quello dei matrimoni misti tra cattolici e ortodossi rappresentano le principali sfide che le Chiese in Europa, e in particolare quelle presenti nella regione sud-orientale del continente, si trovano ad affrontare sul delicato terreno della pastorale familiare. Di tutto ciò si è discusso nel corso dell’incontro che per cinque giorni, sino a ieri, martedì, ha visto riuniti a Bucarest presidenti e rappresentanti delle conferenze episcopali di cinque Paesi (Romania, Bosnia ed Erzegovina, Albania, Grecia e Bulgaria), nell’ambito delle attività del Consiglio delle conferenze episcopali d’Europa (Ccee).

Il tema dei matrimoni misti tra cattolici e ortodossi era già stato oggetto di un’approfondita riflessione in un incontro svoltosi a Sofia nel 2008. Esistono problemi — si legge in un comunicato diffuso dal Ccee — «a causa delle diversità nel modo di concepire il matrimonio e la sua sacramentalità; ma bisogna accompagnare le coppie in un cammino di fede, perché le differenze non conducano a un relativismo e a un’indifferenza religiosa». I vescovi, infatti, rilevano che se «ben vissuti, i matrimoni misti sono un’esperienza di un autentico dialogo ecumenico».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE