Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Migranti
giovani e donne

· I campi d’azione della Caritas in Africa ·

Dakar, 27. Migranti, giovani e donne: il futuro dell’Africa passa lungo queste tre direttrici. Vasti campi d’azione nei quali promette di svilupparsi anche l’opera delle Caritas. È quanto emerge, infatti, dal documento diffuso a conclusione dell’incontro dei vescovi africani, presidenti delle Conferenze episcopali e delle Caritas nazionali, che si è tenuto nei giorni scorsi a Dakar, mettendo a tema appunto il ruolo dei vescovi nell’organizzazione della carità.

Tra gli impegni presi, si legge nel documento, vi è una «maggiore attenzione ai problemi dei migranti e dei rifugiati, alle conseguenze delle crisi politiche e alle catastrofi naturali». In questa prospettiva, si auspica anche un lavoro «proattivo a monte, per contribuire meglio allo sradicamento delle cause della povertà». Per quel che concerne le nuove generazioni, i vescovi affermano che intendono «coinvolgersi nella preparazione e nella partecipazione al prossimo sinodo sui giovani», perché essi «sono la ricchezza della Chiesa e delle nazioni», e s’impegnano a «fare tutto il possibile per farli sentire a casa nella Chiesa». Inoltre, aggiungono, «ci impegneremo per creare opportunità a loro favore e per contribuire alla loro formazione integrale e alla loro crescita cristiana e civile». Il terzo campo d’azione riguarda la valorizzazione della condizione femminile. In questo senso, i presuli s’impegnano a «rafforzare la partecipazione delle donne e a rendere visibile il loro contributo allo sviluppo delle nostre famiglie e comunità».

Il tutto s’innesta, ovviamente, nella complessità del continente africano. Un territorio vastissimo e ricco di risorse naturali, con una popolazione giovane e in crescita, che avrebbe tutte le potenzialità per migliorare le condizioni di vita. E che, tuttavia, trova soprattutto nella corruzione della sua classe dirigente uno dei più potenti freni allo sviluppo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE