Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Migranti africani morti soffocati

· Erano stati chiusi in un camion e abbandonati nel deserto libico ·

Il camion frigorifero in cui erano  stipati i migranti (Reuters)

Stipati in un camion chiuso ermeticamente e abbandonati dai trafficanti per due giorni. Sono morti così sette africani, soffocati in un camion frigorifero trovato a una cinquantina di chilometri a est di Tripoli. Erano con altre 28 persone che invece sono riuscite a sopravvivere. Tutto fa pensare a un drammatico contrattempo per uno scontro tra trafficanti. Un episodio analogo era avvenuto in febbraio a Khoms, un centinaio di chilometri a est di Tripoli, con la morte di 13 migranti. Inoltre, giovedì scorso si è appreso della morte per sete di 44 migranti rimasti bloccati nel deserto in Niger per la rottura di un camion su cui viaggiavano verso la Libia.

Intanto, la polizia italiana ha sgominato una banda che operava tra la Tunisia e l’Italia: gestiva i viaggi sulle coste siciliane di piccoli gruppi di migranti a bordo di gommoni veloci. Ed era pronta a imbarcare anche soggetti ricercati dalle autorità di polizia tunisine per la commissione di gravi reati o per avere possibili connessioni con formazioni di natura jihadista.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE