Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Migliaia in fuga
da Aleppo

· ​La Turchia chiude le frontiere mentre Washington chiede a Mosca lo stop dei raid ·

Almeno trentamila siriani sono fuggiti da Aleppo, dove è in corso la battaglia tra i governativi del presidente Assad e le forze dei ribelli. Si dirigono verso il confine turco, ma Ankara ha deciso di chiudere le frontiere. Intanto gli Stati Uniti hanno chiesto alla Russia di sospendere i bombardamenti. A tracciare un primo bilancio delle conseguenze umanitarie della battaglia di Aleppo è l’Ufficio dell’Onu per il coordinamento dell’azione umanitaria (Ocha), secondo il quale circa ventimila persone sono ferme al valico di frontiera di Bab El Salam, in attesa di passare in Turchia. 

Civili siriani in fuga dai combattimenti ad Aleppo verso il confine con la Turchia (Ap)

Altre diecimila sono arrivate nella città di Asas, a pochi chilometri dalla Turchia. Ankara mantiene per ora chiusi tutti i valichi del confine in prossimità di Aleppo. Secondo il premier turco, Ahmet Davutoğlu, sono in tutto settantamila gli sfollati diretti verso il confine. Sul piano militare, le forze di Assad stanno guadagnando terreno. Gli scontri si concentrano nel settore settentrionale della città; i governativi, supportati dai bombardieri russi, stanno cercando di tagliare le linee di rifornimento dei ribelli. Nelle ultime ore i governativi hanno preso il pieno controllo della città di Ratyan — sobborgo a nord di Aleppo — da più di un anno nelle mani dei ribelli. E intanto, le truppe di Damasco avanzano anche nella regione di Daraa, al confine con la Giordania. L’agenzia ufficiale siriana Sana e siti dell’opposizione hanno riferito della conquista del villaggio di Atman, alle porte di Daraa. La città, divisa (come Aleppo) tra zone in mano ai governativi e zone in mano ai ribelli, era stata nel 2011 l’epicentro delle proteste antiregime e teatro dei disordini che hanno, in una certa misura, contribuito a innescare la guerra civile. Più di 250.000 siriani sono morti da allora e ben oltre la metà dei 21 milioni di abitanti hanno dovuto abbandonare le loro case, come profughi all’estero o come sfollati in patria.

Sul piano politico, il segretario di Stato americano, John Kerry, ha nuovamente esortato Mosca «a non colpire l’opposizione e i civili in Siria, attuando un cessate il fuoco». Kerry ha avuto ieri un colloquio con il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, al quale ha sottolineato la necessità di una immediata cessazione delle ostilità per permettere lo svolgimento dei nuovi colloqui di pace a Ginevra. Medesimo appello è giunto dal segretario della Nato, Jens Stoltenberg, che ha accusato i russi di aver «sabotato» i colloqui. Il Cremlino, dal canto suo, ha respinto le accuse, affermando di avere «nuove idee» per risolvere la crisi. L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, ha detto che i raid in Siria sono del tutto «legittimi» perché è legittimo sostenere gli sforzi del presidente Assad contro i «terroristi». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE