Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Michelangelo l’universale

· Ai Musei Capitolini ·

«Madonna della scala»(1490 circa)

In una sede altamente rappresentativa, qual è il complesso dei Musei Capitolini sul Campidoglio, la mostra «Michelangelo. Incontrare un artista universale» celebra i quattrocentocinquant’anni dalla morte di un artista e poeta di somma altezza, divenuto nel tempo simbolo del Rinascimento italiano al suo culmine massimo. Con gli altri curatori Elena Capretti e Sergio Risaliti, avevo accolto l’invito della Sovrintendenza romana a progettare questa rassegna di opere e testimonianze con gioia, ma anche con apprensione. Lo scrive Cristina Acidini precisando che se la preparazione di qualsiasi mostra presenta le sue difficoltà e i suoi imprevisti, dedicarne una a Michelangelo non può che costituire un’autentica sfida, essendo le sue opere per la massima parte monumentali e inamovibili. La ricorrenza, poi, del quattrocentocinquantesimo anniversario rendeva ancor più critico l’ottenimento di prestiti, per il comprensibile desiderio dei detentori delle opere di valorizzarle in loco.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE