Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Meno spirito, per favore

· Convegno in Vaticano sull’alcoldipendenza ·

Sono ormai oltre due milioni e mezzo i morti causati ogni anno nel mondo dall’abuso di alcol. E tra loro cresce il numero dei giovani. Di fronte a questa drammatica situazione la Pontificia Accademia delle Scienze e scesa in campo riunendo in Vaticano, per una giornata di studio, scienziati e uomini di Chiesa.

«Alcoldipendenza: un fenomeno da contrastare per il bene dell’individuo e della società» è il tema dell’incontro svoltosi questa mattina, martedì 14 gennaio, nella Casina Pio IV. Gli onori di casa li ha fatti il vescovo cancelliere Marcelo Sánchez Sorondo, ai cui saluti inaugurali si sono aggiunti quelli del cardinale Raffaele Farina. La relazione di apertura è stata tenuta dal cardinale Óscar Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa e presidente della Caritas Internationalis, il quale, forte della sua lunga esperienza pastorale, ha posto l’accento sulle implicanze etiche e morali delle dipendenze.

Si sono poi susseguite le relazioni dei professori Claudio Mencacci, Emanuele Scafato, Luigi Janiri, i cui interventi — moderati da Stefano Maria Zuccaro — hanno offerto un quadro a dir poco drammatico della situazione, soprattutto in Europa, che risulta essere la regione del mondo con il più alto livello di consumo di alcol pro-capite, più del doppio della media mondiale.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE