Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Mendicante per la Chiesa

· La morte in Bulgaria di Dobri Dimitrov Dobrev ·

 Un enorme graffito su un palazzo di dieci piani a Sofia lo rappresenta con una candela in mano: basterebbe questo per comprendere la notorietà di “nonno Dobri”, al secolo Dobri Dimitrov Dobre, morto martedì scorso, all’età di 103 anni, nel monastero di San Giorgio a Kremikovtsi, alla periferia della capitale bulgara. 

A darne notizia è stata la Chiesa ortodossa e non poteva essere diversamente, visto che alla Chiesa, più precisamente ai suoi luoghi di culto, questo asceta dalla lunga barba bianca, perennemente vestito con un mantello nero rammendato, ha dedicato l’ultima parte della sua vita. Conosciuto anche come “il santo di Bailovo”, il villaggio in cui era nato nel luglio 1914, Dobri (che in bulgaro significa “buono”) passava le sue giornate a mendicare davanti alle chiese, donando tutto ciò che raccoglieva per il loro restauro. Solo la cattedrale di Alexsandr Nevskij a Sofia ha ricevuto quasi 40.000 lev, l’equivalente di 20.000 euro, ma non si contano i monasteri e altri luoghi di culto — dalla parrocchia dei Santi Cirillo e Metodio a Bailovo al monastero della Madre di Dio a Eleshnishki, alla chiesa del villaggio di Gorno Kamartsi — che hanno avuto elemosine da Dimitrov Dobre.
Il padre di Dobre morì durante la prima guerra mondiale e sua madre dovette crescere i figli da sola. Dimitrov si sposò nel 1940, all’inizio della seconda guerra mondiale, e durante un bombardamento a Sofia un ordigno gli cadde vicino e perse quasi completamente l’udito. Ebbe quattro figli ma nel corso degli anni si allontanò dalla propria famiglia e dagli aspetti materiali della vita e si dedicò interamente all’esperienza spirituale. Fu così che nel 2000 decise di donare tutti i suoi averi al patriarcato di Bulgaria, scegliendo di risiedere in una modesta dimora accanto alla chiesa parrocchiale di Bailovo. In quel periodo intraprese la sua missione di raccogliere fondi per il restauro di chiese e monasteri in tutto il paese. E percorreva venti chilometri al giorno per arrivare davanti alla cattedrale di Alexsandr Nevskij.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE