Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Mediterraneo ultima frontiera

· ​Duemila migranti soccorsi in un giorno ·

Senza sosta proseguono gli sbarchi di migranti nel Mediterraneo. Oltre duemila persone sono state soccorse ieri in otto distinti interventi al largo delle coste della Libia. 

Migranti in arrivo nel porto di Messina (Ap)

Ai soccorsi — che hanno riguardato quattro barconi e quattro gommoni, tutti in precarie condizioni di navigabilità — hanno partecipato tre unità della Guardia costiera italiana, due navi della Marina militare italiana, una nave militare tedesca, una unità della Guardia costiera maltese, una unità della Guardia costiera svedese. Un mercantile che si trovava nell’area è stato dirottato in soccorso dei migranti.

Un richiamo alla necessità di un nuovo approccio alla gestione dei flussi migratori è stato invocato ieri dal presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, che si è recato in visita a Malta. «Il fenomeno dell’immigrazione — ha detto Mattarella — va affrontato con saggezza e apertura». Il capo dello Stato ha spiegato che «aiutare i Paesi dove si originano e dove transitano i flussi è la risposta più intelligente». Ma la questione dell’immigrazione non riguarda soltanto il Mediterraneo. Nelle ultime ore più di 1300 migranti illegali sono stati intercettati in territorio ungherese a ridosso della frontiera con la Serbia.Si tratta in massima parte di persone provenienti da Afghanistan, Siria, Pakistan e Bangladesh. Nei giorni scorsi l’Ungheria, per contrastare il flusso incessante di arrivi di migranti che viaggiano lungo la cosiddetta “rotta balcanica”, ha avviato i lavori di costruzione di una barriera metallica e filo spinato lungo i 175 chilometri della frontiera con la Serbia, che dovrebbe essere completata per la fine di novembre.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE