Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Mediterraneo cimitero di migranti

· ​Decine di vittime negli ultimi naufragi ·

 È salito a 66 morti il tragico bilancio di uno dei naufragi nel Mediterraneo di cui si è avuta notizia ieri, quello al largo della costa libica. È rimasto di 11 migranti morti, invece, il bilancio di un’altra tragedia nel tratto di mare tra la Turchia e la Grecia, secondo la testimonianza di nove persone salvate nel Mar Egeo, che hanno raccontato di essere state imbarcate sullo stesso gommone. Due presunti scafisti sono stati arrestati dalla polizia turca. Una tristissima conta di vite umane spezzate in un dramma che non conosce fine.

Dall’inizio dell’anno sono ormai oltre 600 le persone che hanno perso la vita, secondo l’Organizzazione internazionale per le emigrazioni (Oim), cercando di raggiungere le coste europee. E circa 26.000 migranti e rifugiati sono entrati nell’Ue via mare, l’80 per cento dei quali in Italia, il resto in Grecia e Spagna.

Si sono concluse solo in queste ore le operazioni di screening sanitario e di fotosegnalamento per i 902 migranti giunti giovedì nel porto di Cagliari. Le nazionalità maggiormente rappresentate sono costituite da cittadini della Nigeria, del Marocco, della Costa D’Avorio e dell’Eritrea. E oggi in Sicilia, nel porto di Catania, arrivano le prime sei salme intercettate dalla ong spagnola che ieri ha dato per prima l’allarme per la tragedia al largo della città libica di Sabrata. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE