Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Medici colpevoli di aborti selettivi in India

Cento medici indiani saranno condannati per aver condotto aborti selettivi nel Paese. È stato il ministero per la Salute ad aver avviato l’indagine che ha individuato i trasgressori del Pre-Conception & Pre-Natal Diagnostic Techniques Act, la legge del 1994 che rende illegale l’uso di esami volti a rivelare il sesso del feto. Otre a una multa e la sospensione (o cancellazione) della licenza, gli indagati rischiano da 6 mesi a 5 anni di carcere. Il dottor Pascal Carvalho, membro della Pontificia accademia per la vita, ha dichiarato ad Asia News di giudicare positiva la decisione del ministero: «Usare forti deterrenti può aiutare a prevenire simili forme di discriminazione». Il medico ricorda come la preferenza per i maschi sia «espressione di mancanza di rispetto verso le donne, e una delle cause dell’aumento dei crimini contro di loro», e come la motivazione alla base sia legata a ragioni economiche. Emerge, del resto, anche dal documentario It’s a Girl (2012): il disprezzo verso le donne comincia prima della nascita e dura (per quante riescono a nascere) tutta la vita. Non v’è, infatti, solo il problema della dote, ma anche del rispetto per la donna sposata, legata alla nascita di un maschio. Inoltre, in alcune province dell’India è ancora diffusa l’usanza del sati , l’immolazione della vedova sulla pira del marito defunto: presentato come un rituale volontario, si tratta in realtà di un modo per liberarsi del peso economico di una donna rimasta sola. Infine va ricordato come gli aborti selettivi non siano limitati a bassi livelli economici e sociali, essendo diffusi anche tra le famiglie di ceto medio-alto. «Secondo il recente studio Skewed Sex Rations in India: Physician, Heal Thyself — ha concluso Carvalho — nel Paese le famiglie di medici hanno più figli maschi che femmine».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE