Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

È morto da eroe il poliziotto che si era sostituito agli ostaggi

· Massima allerta in Francia dopo l’assalto al supermercato di Trèbes da parte di un terrorista dell’Is ·

Quattro morti e quindici feriti. Questo il bilancio finale dell’attacco terroristico avvenuto ieri a Carcassonne e a Trèbes, nella regione francese dell’Occitania. Tra le vittime anche il tenente colonnello della Gendarmeria Arnauld Beltrame, 45 anni, che si era offerto come ostaggio al posto di una donna nel supermercato preso d’assalto da Radouane Lakdim, 25 anni, affiliato al sedicente stato islamico (Is). Beltrame è rimasto con Lakdim fino alla fine, quando il terrorista è stato ucciso dalle teste di cuoio. Il militare è poi morto in ospedale a causa delle ferite. «È caduto da eroe, merita il rispetto e l’ammirazione dell’intera nazione» ha detto il presidente Emmanuel Macron. L’allerta, al momento, resta ai massimi livelli. L’assalto al supermercato — rivendicato dall’Is su internet — è stato solo l’ultimo atto di una folle corsa. Prima della presa di ostaggi al Super U di Trèbes, Lakdim aveva rubato un’autovettura, a Carcassonne, ferendo il conducente e uccidendo il passeggero che viaggiava accanto. Subito dopo, sulla strada verso Trèbes, l’attentatore aveva sparato contro un gruppo di agente della polizia, uno dei quali è rimasto ferito. Verso le 11, infine, Lakdim faceva irruzione nel supermercato, uccidendo due persone e barricandosi all’interno.

«La minaccia terroristica resta elevata: ci sono numerose persone che si sono radicalizzate e hanno profili psichiatrici variegati. Ci sono persone pericolose, che vengono seguite da vicino, ma che costituiscono una seria minaccia» ha detto il presidente Macron, di ritorno dal Consiglio Ue di Bruxelles. Solidarietà e vicinanza sono state espresse da tutta la comunità internazionale. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

10 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE