Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Mario Zenari

Mario Zenari
nunzio apostolico in Siria

È stato uno dei pochi diplomatici a non aver abbandonato la Siria dopo lo scoppio del conflitto. E, come ha assicurato Papa Francesco annunciando il concistoro in cui gli assegna la porpora, «rimane nunzio apostolico nell’amata e martoriata» terra mediorientale, in cui rappresenta il Pontefice dal 30 dicembre 2008. Il cardinale italiano settantenne Mario Zenari resta a Damasco e la sua testimonianza continua a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale sul dramma del popolo siriano, travolto da una spirale di violenza, morte e distruzione che sembra non avere fine.

Nato il 5 gennaio 1946 a Rosegaferro di Villafranca, in diocesi di Verona, dopo aver frequentato le scuole elementari nel paese di origine, è entrato nel seminario vescovile scaligero per le medie e le superiori. Completati gli studi filosofici e teologici presso l’Istituto teologico San Zeno, è stato ordinato sacerdote in cattedrale dal vescovo Giuseppe Carraro il 5 luglio 1970. Inizialmente ha svolto il ministero come vicario parrocchiale a Buttapietra, dove è rimasto fino al 1973, quando è stato trasferito a Cerea. Nel 1976 è stato inviato a Roma per la formazione diplomatica alla Pontificia accademia ecclesiastica. Durante i quattro anni trascorsi nell’Urbe ha frequentato la Pontificia università Gregoriana, laureandosi in diritto canonico.

Nel 1980 è entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede, svolgendo il primo incarico presso la rappresentanza pontificia in Senegal. L’anno successivo è stato trasferito in Liberia, poi nel 1985 ha lasciato l’Africa alla volta della Colombia. Tre anni dopo è tornato in Europa, in un’epoca segnata dai cambiamenti prodotti dalla dissoluzione dell’ex Unione Sovietica, per collaborare nelle nunziature apostoliche in Germania — proprio durante il periodo della caduta del muro di Berlino e della successiva riunificazione del Paese — e, nel 1992, in Romania.

Divenuto consigliere di nunziatura il 25 marzo 1993, è stato inviato a Vienna il 7 febbraio 1994 per ricoprire gli incarichi di rappresentante permanente della Santa Sede presso l’Agenzia internazionale dell’energia atomica (Aiea) e presso l’Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa (Osce), e di osservatore permanente presso l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (Onudi) e presso l’Ufficio delle Nazioni Unite e istituzioni specializzate nella capitale austriaca.

Il 12 luglio 1999 Giovanni Paolo ii lo ha nominato nunzio apostolico in Costa d’Avorio e in Niger — assegnandogli la sede titolare di Zuglio con dignità di arcivescovo — e il successivo 24 luglio nunzio apostolico anche in Burkina Faso. Il 25 settembre dello stesso anno ha ricevuto l’ordinazione episcopale dal cardinale Angelo Sodano, segretario di Stato, nella cattedrale di Verona. Dopo quasi cinque anni trascorsi in Africa, il 10 maggio 2004 è stato inviato da Papa Wojtyła nel continente asiatico come nunzio apostolico in Sri Lanka, dove è rimasto fino al 30 dicembre 2008, quando Benedetto XVI lo ha trasferito in Siria.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2018

NOTIZIE CORRELATE