Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Maria degli altri

Maria non è solo nostra — cioè dei fedeli cattolici e ortodossi che la venerano — ma fa parte anche di tradizioni non cristiane, come l’ebraismo e l’islam, e naturalmente non ne possono prescindere i protestanti. Con questo numero di «donne chiesa mondo» vogliamo guardare a Maria anche dal loro punto di vista, capire come gli altri l’hanno immaginata, l’hanno raccontata. È un nuovo punto di vista che ci apre a scoperte interessanti.

John Collier «Annunciazione»

Per gli ebrei non c’è solo la ben nota leggenda denigratoria dell’adulterio che Maria avrebbe perpetrato con il soldato romano Pantera: il rabbino Riccardo Di Segni ci fa partecipi di una svolta narrativa per cui «assistiamo a un paradosso, in cui la figura di Maria, persino in un contesto polemico, conserva aspetti di innocenza e se ne comprende e condivide la sofferenza personale». Nell’islam Maria riveste un ruolo di primaria importanza, è l’unico nome femminile che compare nel Corano. Se pure non considerata madre del figlio di Dio, la sua immagine è intensamente carica di valore simbolico e spirituale. Ma fa parte anche della storia, fondendosi con il culto che gli sciiti riservano a Fatima, figlia di Maometto ed essa stessa madre di due figli morti martiri, occasione appunto della separazione, all’interno del mondo islamico, fra sunniti e sciiti. Per la protestante Marion Muller-Colard la Madonna — per lei una donna come le altre — è oggetto di amore, compagna di un destino femminile condiviso da tante, così vicina che suscita il desiderio di parlarle direttamente, di darle del tu.

Ma Maria è anche una delle immagini più frequenti, e più struggenti, nella storia dell’arte occidentale, protagonista di quel passaggio essenziale per la tradizione cristiana che è il Verbo che si fa carne, che diventa uno come noi. Le modalità con cui questo mistero è stato rappresentato diventano patrimonio dell’inconscio collettivo, e a loro volta servono a decifrare le apparizioni mariane da parte di giovani e inesperti testimoni. Un modo nuovo di illuminare questa figura così importante per noi, per dedicarle ancora una volta il mese di maggio. (lucetta scaraffia)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

11 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE