Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Maratona negoziale a Losanna

· ​Proseguono i colloqui sul nucleare iraniano ·

È una vera e propria maratona negoziale quella in corso a Losanna, in Svizzera. L’Iran e il gruppo cinque più uno (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia, Cina e Germania) hanno deciso di proseguire i negoziati — a livello di direttori dei rispettivi uffici politici — sul programma nucleare di Teheran anche oggi, malgrado a mezzanotte fossero scaduti i termini per trovare un accordo quadro.

Dai rappresentanti di Iran e Russia trapela la convinzione che nelle prossime ore l’intesa sarà messa nero su bianco, mentre le potenze occidentali sembrano meno certe di una soluzione positiva. Per determinare i dettagli tecnici dell’intesa poi ci sarà tempo fino alla fine di giugno.

Il più ottimista è il ministro degli Esteri russo, Serghiei Lavrov, che ieri sera ha annunciato che le parti hanno trovato l’accordo su «tutti gli aspetti chiave» del negoziato, ovvero i tempi per la revoca delle sanzioni, le capacità iraniane di arricchimento dell’uranio e gli anni di validità dell’intesa. Il capo della diplomazia del Cremlino, citato dalla Tass, si è spinto anche più avanti, ipotizzando che si possa iniziare a scrivere l’accordo «nelle prossime ore».

Di progressi «molto positivi» ha parlato il suo omologo iraniano, Mohammad Javad Zarif, il quale ha auspicato che una bozza di intesa possa essere preparata nella giornata odierna. Uno dei negoziatori iraniani, Hamid Baeedinejad, citato dall’agenzia Irna, ha confermato che Teheran e il gruppo cinque più uno hanno trovato la quadra anche sulla spinosa questione delle sanzioni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE