Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Madagascar devastato dalle inondazioni

· ​Dopo il passaggio del ciclone Ava nei primi di gennaio ·

Poliziotti belgi controllano le strade attorno al palazzo di Giustizia a Bruxelles (Ap)

  È di 51 vittime il bilancio definitivo del passaggio del ciclone Ava che ha colpito il Madagascar il 5 e 6 gennaio, il primo della stagione. Forti raffiche di vento — fino a 190 chilometri orari — e piogge torrenziali hanno fatto esondare numerosi corsi d’acqua nell’est dell’isola e provocato diverse inondazioni, in particolare a Tamatave e nelle bidonville della capitale, Antananarivo.

Secondo l’ufficio nazionale per la gestione dei rischi e delle catastrofi, oltre 17.000 gli sfollati e in tutto i danni alle abitazioni hanno messo in difficoltà 80 mila civili. Molte le località che al momento sono prive dell’energia elettrica e molte le strade impercorribili, rendendo impossibili soccorsi tempestivi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE