Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ma la razionalità non è riduzionismo scientifico

· Fede e ragione alla luce del discorso di Papa Benedetto XVI all'università di Ratisbona ·

Nella serata di giovedì 20 gennaio s'inaugura, nel Palazzo Apostolico Lateranense, un ciclo di letture teologiche intitolato «I grandi discorsi di Benedetto XVI». Pubblichiamo ampi stralci di uno degli interventi. Le prossime letture si terranno il 27 gennaio e il 3 febbraio.

È ben noto come il discorso di Ratisbona abbia sollevato un'ondata di violentissime polemiche. Esso è stato visto come una critica della religione musulmana in quanto dominata da una visione di trascendentalismo assoluto. In realtà, la critica era molto più ampia e riguardava anche tendenze sviluppatesi nel mondo cristiano e tendenti a rompere il rapporto con lo spirito greco, tendenze che portavano all'idea che di Dio possiamo conoscere soltanto la voluntas ordinata e non possiamo esplorare l'imperscrutabile ragione. Pertanto, il discorso di Ratisbona va visto piuttosto come un'esortazione a valorizzare al massimo quella sintesi tra spirito greco e lo spirito delle religioni monoteistiche, che è apparso e appare soprattutto oggi offuscato, sia per responsabilità dell'integralismo religioso, sia del positivismo.

Se la religione classica tutto sommato propendeva per una visione contemplativa — è indubbio che l'ebraismo biblico ha un atteggiamento tutto sommato passivo nei confronti del dispiegarsi della volontà divina di cui si limita ad ammirare le straordinarie creazioni — l'ebraismo medioevale, soprattutto con il suo massimo rappresentante, Mosé Maimonide, mostra fino a qual punto è giunta la sintesi tra pensiero greco e religiosità monoteista. È giunta al punto che Maimonide afferma che la chiave del racconto della Genesi — il cosiddetto Ma'aseh Bereshit — è stata persa dalla tradizione, ma che questa chiave ci viene restituita dalla fisica di Aristotele. Logica e fisica — afferma con estrema audacia Maimonide — permettono di decriptare la Bibbia e di scoprire che la Genesi e Aristotele dicono la stessa cosa. Allo stesso modo, il Racconto del carro — Ma'aseh Merkabà — ovvero la visione mistica del carro divino da parte del profeta Ezechiele, è in perfetta armonia con la metafisica di Aristotele. Questo razionalismo è talmente forte che, anche nella reazione antiaristotelica della mistica kabbalistica esso non viene abbandonato e diventa una chiave essenziale dell'esegesi biblica. Anzi, la rinuncia all'esegesi viene condannata. «Coloro che si occupano del senso ovvio della Torah dormono di un sonno profondo», ammonisce Moshe Hayim Luzzatto e lo Zohar definisce questo senso ovvio la mera «paglia» della Torah.

Del resto è noto come Maimonide, san Tommaso d'Aquino e Averroé costituiscano la triade razionalista della teologia delle tre grandi religioni monoteiste, ispirata a uno stretto rapporto con il razionalismo greco. E proprio ad Averroé dobbiamo l'affermazione che «niente prova la saggezza divina meglio dell'ordine del cosmo. L'ordine del cosmo può essere provato dalla ragione. Negare la causalità è negare la saggezza divina (...) e colui che nega la causalità nega e disconosce la scienza e la conoscenza». Sono parole scritte in risposta all' Autodistruzione dei filosofi di Al Ghazali che, al contrario, sosteneva che «il cosmo è volontario. È creazione permanente di Dio e non obbedisce ad alcuna norma. (...) La natura è al servizio dell'Onnipotente: essa non agisce in modo autonomo, ma è utilizzata al servizio del suo creatore. (...) Le scienze matematiche sono alla base delle altre scienze, dai cui vizi lo studioso rischia di rimanere contagiato. Sono pochi coloro che se ne occupano senza sottrarsi al pericolo di perdere la fede».

È innegabile che il mondo islamico non abbia scelto Averroé contro Ghazali, bensì abbia scelto Ghazali contro Averroé, la cui figura non è mai stata rivalutata. È proprio nella condanna mai revocata di Averroé che risiede la rottura nella storia dell'islam con la fondazione della scienza moderna, la sua autoesclusione dagli sviluppi della modernità, cui pure l'islam aveva contribuito in modo tanto decisivo proprio con la trasmissione della cultura greca. Questo è un fatto indiscutibile e ben noto agli storici, e non può essere fonte di offesa rilevarlo. Al contrario, rilevarlo, anche indicando in modo pacifico e amichevole i rischi che comportano determinate scelte, è un contributo alla crescita di tutti, nell'ottica di una concezione del dialogo che mi pare caratteristica del pensiero di Benedetto XVI, ovvero tanto aperto quanto non sincretistico. È una concezione che richiama una bella frase del filosofo Emmanuel Levinas: «Non si tratta di pensare insieme, io e l'altro, ma di stare faccia a faccia».

La chiarezza e l'onestà intellettuale inducono altresì a non nascondere che la crescita della rivoluzione scientifica è stata contrassegnata da grandi conflitti con le autorità religiose, che spesso ebbero risvolti anche drammatici. Non vi fu soltanto il caso Galileo, ma anche le minacce che indussero Descartes a non pubblicare Le Monde , la persecuzione subita in ambito protestante da Copernico, le difficoltà che indussero Newton a nascondere il suo monoteismo antitrinitario, la condanna di Spinoza da parte della comunità ebraica di Amsterdam, e molte altre analoghe vicende. Tuttavia, non è certamente sminuirne la gravità affermare che quasi tutte queste vicende sono state drammatiche in quanto hanno rappresentato una manifestazione di intolleranza, ma non hanno mai messo in discussione l'idea della coerenza tra fede e ragione, né hanno arrestato il cammino della scienza e della filosofia. Si confrontavano tra di loro modi differenti di vedere il rapporto tra religione e ragione, anche diverse metodolologie scientifiche o di uso della ragione. Non fu deplorevole che a Galileo fosse stato opposto un diverso punto di vista, quanto che la contesa fosse stata risolta con la forza. D'altra parte, come ha osservato lo storico della scienza, Amos Funkenstein, tutti i grandi protagonisti della rivoluzione scientifica, da Galileo a Descartes, da Keplero a Newton, erano dei «teologi laici», per cui le questioni in gioco gravitavano sempre attorno al rapporto tra scienza e teologia.

Che la rivoluzione scientifica e gli sviluppi filosofici a essa connessi siano stati un grande e ulteriore passo sulla via della sintesi tra pensiero religioso monoteista e pensiero greco si vede dal fatto che il primo ha iniettato nel secondo l'idea dell'infinito che era rimasta preclusa o quantomeno confinata al pensiero greco, il quale era molto diffidente nei suoi confronti. Questo è stato visto molto bene da un grande filosofo contemporaneo, Edmund Husserl, che definisce la grande impresa della conoscenza europea che prende forma dal Cinquecento, come una scienza onnicomprensiva, una «scienza della totalità dell'essere» che «persegue nientemeno che lo scopo di riunire scientificamente, nell'unità di un sistema teoretico, tutte le questioni ragionevoli attraverso una metodica apoditticamente evidente e attraverso un progresso infinito ma razionale di ricerca». Husserl aggiunge significativamente che tra i tanti problemi che si pone questa filosofia razionale v'è quello di Dio «che contiene evidentemente il problema della ragione «assoluta» in quanto fonte teleologica di qualsiasi ragione nel mondo, del “senso” del mondo». Così come sono problemi razionali — egli aggiunge — «il problema dell'immortalità» e il «problema della libertà». E non è certamente un caso che sia stato Husserl a criticare con tanta forza analitica la «decapitazione» della ragione compiuta dal positivismo, la razionalità «ridotta» da esso proposta, con un linguaggio che contiene molte assonanze con quello di Ratisbona e di altri discorsi di Benedetto XVI. Non è un caso, anche perché pochi filosofi come lui hanno percepito il valore del concetto di ragione che si è espresso nella civiltà europea e pochi come lui hanno amaramente ammonito contro il rischio che ne venisse smarrito il senso, un rischio che oggi è di fronte a noi come un fatto reale.

Ma qui è necessario sviluppare alcune considerazioni sul punto che riguarda il rapporto tra ragione scientifica e religione. L'affermazione teologica più forte della coerenza tra religione e scienza sta nella tesi di Galileo che il mondo è matematico, anzi che il mondo è stato strutturato da Dio in forma matematica, per cui la scoperta delle leggi, espresse in forma matematica, che governano la natura, comporrebbe l'armonia tra razionalità oggettiva posta da Dio a base della creazione e la nostra ragione soggettiva. Questa formula galileiana è affascinante ma ritengo che sia elusiva e anzi che da essa derivino molte delle difficoltà che hanno condotto all'attuale riduzione positivistica della ragione. Difatti, come dimostra lo stesso sviluppo storico della scienza, l'ipotesi che il mondo è matematico è soltanto un'ipotesi di un genere molto particolare, in quanto assolutamente inverificabile. Essa è in realtà un'ipotesi metafisica che per sorreggersi ha bisogno di verifiche continue, ma mai definitive. Il corso degli eventi ha piuttosto dimostrato che in tanti ambiti essa appare smentita o quantomeno appare molto dubbia.

La conseguenza più pericolosa di tale ipotesi è di aver generato l'idea che non soltanto il mondo fisico, ma ogni aspetto del mondo sia matematico. Come si dice nel discorso di Ratisbona, è ormai comune ritenere che «soltanto il tipo di certezza derivante dalla sinergia di matematica ed empiria ci permette di parlare di scientificità», per cui «ciò che pretende di essere scienza deve confrontarsi con questo criterio, e così anche le scienze che riguardano le cose umane, come la storia, la psicologia, la sociologia e la filosofia, cercano di avvicinarsi al canone della scientificità». Ma questo sviluppo è profondamente negativo non soltanto per la scienza, in quanto l'efficacia del matematismo nelle scienze umane è lungi dall'essere evidente. Esso è anche fonte di riduzione del razionalismo al riduzionismo positivistico e quindi è la fonte diretta della «limitazione autodecretata della ragione». In realtà qui il matematismo è soltanto rappresentativo di una tendenza alla dittatura del riduzionismo. Quando si tende — come accade oggi — a cancellare ogni forma di conoscenza che non sia segnata dal prefisso «neuro» — e si parla di neuro-economia, di neuro-etica, di neuro-filosofia e persino di neuro-teologia — è facile intendere le conseguenze. Chi ingenuamente vede una conferma della religione nella pretesa scoperta di strutture neuronali che spiegherebbero l'emergere nel cervello del sentimento di trascendenza e quindi — come si dice — mostrerebbero «l'esistenza di Dio nel cervello», non si avvede che mettere Dio alla mercé di una conformazione cerebrale — che esiste in alcuni individui e in altri no, che può degenerare nel processo evolutivo o essere soppressa con interventi umani — significa distruggerlo.

Non ci difenderemo validamente dal relativismo se non affermando che la razionalità che si esprime nella soggettività umana è irriducibile ai canoni ristretti dell'oggettivismo scientifico di tipo fisico-matematico o dello scientismo riduzionista e materialista. «Razionalità ampia» significa ricercare un'idea dell'oggettività più ampia di quella suggerita da quei canoni, entro i quali non c'è spazio per l'idea di Dio.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE