Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​L’uragano Irma
devasta la Florida

· ​Il presidente Donald Trump decreta lo stato di disastro ·

I danni  causati a Bonita Springs (Afp)

L’uragano Irma è giunto sulla Florida sferzandola con tutta la sua furia. Il governatore Rick Scott, dopo giorni di moniti, appelli e ordini di evacuazione, è pronto a dare il via alle operazioni di soccorso la cui entità resta imprevedibile. La situazione resta ancora critica, anche se l’uragano è stato declassato a categoria 1 con venti di oltre 135 chilometri orari e piogge torrenziali. Dopo aver colpito ieri anche Miami, Irma continua infatti a spostarsi lentamente verso nord. Violente raffiche continuano a colpire la zona centrale dello stato, compresa la città di Orlando. Attualmente si teme per la città di Tampa. Almeno cinque i morti accertati finora. Due persone sono morte nella contea di Monroe, che comprende le Florida Keys. Un uomo è deceduto dopo aver perso il controllo del suo furgone mentre stava trasportando un generatore e un altro nella sua casa di Shark Key, circa undici chilometri a est di Key West. Due le vittime per un incidente stradale nella contea di Hardee e una, sempre per uno scontro automobilistico, nella contea di Orange. Secondo le ultime notizie l’uragano ha lasciato senza corrente elettrica oltre quattro milioni e mezzo di persone. Circa 6,5 milioni, invece, i cittadini che hanno ricevuto l’ordine di evacuazione. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha approvato in queste ore lo «stato di disastro» per la Florida e ha ordinato aiuti federali per i soccorsi e il recupero dalla devastazione portata dall’uragano Irma. In particolare la decisione del presidente sblocca fondi federali per gli individui che hanno subito danni in nove contee. L’impiego dei fondi può riguardare accoglienza temporanea o riparazioni di abitazioni, prestiti agevolati per coprire le perdite non coperte da assicurazioni o altro. Riguardo ai danni causati dall’uragano, definito un «grosso mostro», Trump non ha anticipato una stima dei danni materiali. «Al momento siamo preoccupati per le vite, non per i costi», ha detto Trump. Anche Cuba è stata colpita dall’uragano che ha provocato un black-out in molte aree.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE