Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’uomo che inventò il corsivo

· Cinquecento anni fa, il 6 febbraio 1515, moriva Aldo Manuzio ·

Il 6 febbraio 1515 moriva Aldo Manuzio, l’appassionato umanista che, mezzo secolo dopo la diffusione in occidente della stampa a caratteri mobili, di fatto inventò e diffuse il libro moderno. Ma più ancora, la storia di quest’uomo il cui nome è legato a Venezia, dove morì, ma venuto dalla campagna laziale — era nato a Bassiano, nel ducato di Sermoneta, intorno alla metà del Quattrocento (forse nel 1452) — è emblematica della fiducia nella ragione dell’uomo che caratterizza gli splendidi inizi culturali dell’età moderna.

La formazione di Aldo si completò a Carpi e a Mirandola, in stretto contatto con Pico, e infine a Venezia, dove i legami con i circoli umanisti si moltiplicarono. Al 1493 risale la prima edizione – stampata dal futuro suocero Andrea Torresano – delle sue Institutiones grammaticae Latinae, migliorata fin quasi alla morte in tre edizioni e divenuta per tutto il secolo un vero e proprio best seller, ma negli anni successivi parte e si consolida il grande progetto di diffusione del greco, tra guerre «che devastano tutta l’Italia e tra breve par che sommoveranno il mondo intero fin dalle fondamenta» scrive Manuzio, in «tempi tumultuosi e tristi in cui è più comune l’uso delle armi che quello dei libri».

E il greco l’imparò talmente bene che un decennio più tardi Erasmo, attratto a Venezia dal mirabile stampatore, proprio con lui lo perfezionò. Molti libri infatti erano già usciti dai torchi di Manuzio: a diffonderli in tutta Europa fu l’organizzazione industriale e commerciale efficientissima dell’uomo che innovò la grafica (grazie all’incisore bolognese Francesco Griffo), inventò il corsivo e ideò i libelli portatiles in formam enchiridii, cioè i tascabili (Virgilio e Petrarca nel 1501, Catullo, Tibullo, Properzio e Dante nel 1502). Nel secondo tomo dei Poetae Christiani veteres, comparve per prima volta nel 1502 la celebre marca tipografica del delfino che s’avvolge sull’ancora, spiegato da Erasmo — nel commento al proverbio Festina lente (“affrettati lentamente”) ora tradotto a cura di Lodovica Braida nella piccola raffinata strenna natalizia di Marsilio (Erasmo da Rotterdam, Opulentia sordida e altri scritti attorno ad Aldo Manuzio) — con la necessità di temperare il guizzo dell’impeto con la sicurezza della riflessione.

«Si potrà dunque — spiega l’umanista fiammingo — utilizzare l’adagio in tre maniere. La prima, quando consiglieremo di decidere prendendo tempo, prima che ci si lanci in un impegno, ma, dopo che si è deciso, di agire con rapidità così che l’immagine dell’ancora richiami l’indugio prima della decisione, il delfino la velocità nel portarla a compimento». Sintesi estrema di una vita di passione e di studio. Quale fu quella di Aldo. (g.m.v.)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE