Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’Unrwa lascia
la striscia di Gaza

· ​Ridotto il personale dell’agenzia umanitaria dopo minacce di morte ·

Donna palestinese di fronte a una scuola chiusa dell’Unrwa (Reuters)

Si fa alta la tensione nella striscia di Gaza. L’Unrwa, l’agenzia dell’Onu che assiste i rifugiati palestinesi, ha fatto uscire ieri dalla striscia dieci suoi funzionari a causa delle «minacce di morte e di violenza» che avevano ricevuto. Secondo fonti locali, «le minacce sono cominciate dopo gli annunci dei tagli e dei licenziamenti programmati dall’Unrwa» per mancanza di fondi. L’uscita dei funzionari dalla striscia è avvenuta tramite il valico di Erez con Israele, nonostante questo fosse chiuso per le festività ebraiche. Israele, che controlla tutti i valichi di frontiera tranne quello di Rafah con l’Egitto, ha confermato l’uscita. Per ora a Gaza sono rimasti il capo dell’Agenzia e il suo vice. Tuttavia, fonti del palazzo di Vetro non escludono che anch’essi possano decidere a breve di lasciare il territorio palestinese. L’agenzia dell’Onu ha affrontato nelle ultime settimane «una serie di incidenti allarmanti contro la sicurezza del suo personale» internazionale e locale, si legge in un comunicato della Unrwa. Lunedì scorso alcuni funzionari erano stati minacciati da una folla di manifestanti riunitisi di fronte alle sede dell’agenzia. Nel comunicato l’Unrwa accusa Hamas — il movimento palestinese che controlla la striscia di Gaza — di non aver ascoltato i suoi «ripetuti appelli» contro la violenza. Il taglio dei fondi e dei dipendenti all’Unrwa è stato ricondotto da molta della stampa locale e internazionale alla decisione statunitense di ridurre gli aiuti all’agenzia.

Intanto, ieri decine di palestinesi sono rimasti feriti e intossicati dai gas lacrimogeni durante gli scontri tra gruppi di manifestanti e militari israeliani avvenuti ad Abu Dis e Al Eizariya, località che si trovano a est di Gerusalemme. Lo ha riferito il corrispondente locale dell’agenzia di stampa palestinese Wafa, secondo il quale le forze israeliane avrebbero risposto ai manifestanti, che avevano bloccato l’accesso ad alcune strade con pneumatici bruciati e cumuli di terra.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE