Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L’unità dei cristiani dovere e responsabilità per tutti

· Benedetto XVI conclude a San Paolo fuori le Mura la Settimana di preghiera ecumenica ·

Il ristabilimento dell’unità è «un dovere e una grande responsabilità». Per questo occorre l’«impegno operoso» di tutti i cristiani. Anche perché il ristabilimento della fraternità tra i discepoli di Cristo è un «traguardo» importante per il bene dell’intera «famiglia umana». Lo ha ribadito il Papa presiedendo, nel pomeriggio di mercoledì 25 gennaio, nella basilica di San Paolo fuori le Mura, la tradizionale celebrazione dei secondi Vespri della festa della Conversione dell’Apostolo, a conclusione della quarantacinquesima settimana di preghiera ecumenica.

«Quando imploriamo il dono dell’unità — ha spiegato il Papa all’omelia — facciamo nostro il desiderio espresso da Gesù: “perché tutti siano una cosa sola”». Per questo — ha aggiunto — «la preghiera per l’unità è partecipazione alla realizzazione del progetto divino per la Chiesa».

Rimarcando la presenza al rito di rappresentanti di altre Chiese e comunità ecclesiali, il Pontefice ha sottolineato che «pur sperimentando la situazione dolorosa della divisione, noi cristiani possiamo e dobbiamo guardare al futuro con speranza», poiché «la vittoria di Cristo significa il superamento di tutto ciò che ci trattiene dal condividere la pienezza di vita con Lui e con gli altri. Egli ci accompagna nella lotta contro la forza distruttiva del peccato che danneggia l’umanità e l’intera creazione». Il Papa ha anche spiegato come «uniti in Cristo, siamo chiamati a condividere la sua missione»: portare la speranza dove dominano ingiustizia, odio e disperazione. Purtroppo, però, le divisioni rendono meno luminosa la testimonianza dei cristiani nella società. E se «nella cultura oggi dominante, l’idea di vittoria è spesso associata ad un successo immediato», dal punto di vista cristiano «la vittoria è un lungo e, agli occhi di noi uomini, non sempre lineare processo di trasformazione e di crescita nel bene. Essa avviene secondo i tempi di Dio e richiede da noi profonda fede e paziente perseveranza». Di conseguenza — ha fatto notare Benedetto XVI — «anche la nostra attesa per l’unità visibile della Chiesa deve essere paziente e fiduciosa», in quanto solo «in tale disposizione trovano pieno significato la preghiera e l’impegno quotidiani per l’unità dei cristiani». Tuttavia — ha concluso il Papa — tale atteggiamento di paziente attesa non deve significare «passività o rassegnazione, ma risposta pronta e attenta a ogni possibilità di comunione e fratellanza che il Signore ci dona».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 giugno 2018

NOTIZIE CORRELATE