Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

L'unione tra i cristiani facilita la pace in Medio Oriente

· Il Papa alla Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali ·

I cristiani che in Medio Oriente «affrontano prove dolorose e difficoltà, che sono fonte di profonda preoccupazione per tutti noi», devono lavorare insieme, «con accettazione e con fiducia reciproche», per servire la causa della pace e della giustizia. Lo ha detto il Papa questa mattina, venerdì 25 gennaio, rivolgendosi ai membri della Commissione mista internazionale per il dialogo teologico tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali, ricevuti in udienza nella Sala dei Papi. Riferendosi al lavoro compiuto dalla commissione Benedetto XVI, riconoscendo i progressi compiuti, ha voluto esprimere la sua «speranza che le relazioni tra la Chiesa cattolica e le Chiese orientali ortodosse continuino a svilupparsi in spirito fraterno di cooperazione, in particolare attraverso l’approfondimento di un dialogo teologico capace di aiutare tutti i seguaci del Signore a crescere nella comunione e a dare testimonianza al mondo della verità salvifica del Vangelo». Il Papa ha auspicato che proprio la coraggiosa testimonianza di Cristo possa «sostenerci e rafforzarci tutti, mentre affrontiamo le sfide del presente con fiducia e speranza».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE